3 mila studenti per Noviscienza

3 mila studenti per Noviscienza

Novi Ligure.
Oltre tremila studenti, suddivisi in 130 classi, si sono già iscritti a Noviscienza, la serie di eventi che l’Acos ha promosso e proporrà dal 19 al 23 settembre per celebrare il 40° anniversario di attività nel settore della fornitura di servizi in città e nei paesi limitrofi. «Eventi che abbiamo voluto – ha detto il presidente Roberto Rossi – non certo per autocelebrazione, ma per reinvestire risorse. Sui meno giovani mediante il concerto di Vittorio De Scalzi, con la musica degli anni 70, ma soprattutto abbiamo voluto fare un investimento sul futuro dei nostri giovani, portando in città manifestazioni che si riveleranno interessanti».Poi c’è il ricordo di Armando Pa-gella e Bruno Bottazzi, pubblici amministratori che vollero quell’azienda municipalizzata che all’inizio della sua attività si chiamava Amgas, poi Amga e quindi Acos: «Ricordo doveroso – hanno detto in coro il presidente Roberto Rossi, l’amministratore delegato di Acos Spa, Mauro D’Ascenzi e il sindaco Lorenzo Robbiano – perché da pubblici amministratori avveduti e lungimiranti quali erano e da persone determinate e con grande senso di responsabilità, più di quarant’anni fa intuirono che tutte le case dovevano essere fornite di gas metano per il riscaldamento: così nacque l’azienda municipalizzata gas, che anni dopo ha inglobato anche l’acqua diventando Azienda municipalizzata gas e acqua e adesso è la multiservizi Acos Spa».perché la scienza, perché Noviscienza per celebrare i quarant’anni di Acos? «perché – aggiunge Robbiano – bisogna dare stimoli ai giovani, dobbiamo suscitare movimento, creare delle prospettive e dare delle idee. È nei momenti di crisi che bisogna tirarsi su le maniche». Che attorno a Noviscienza ci sia interesse, lo dimostra il numero di studenti e classi di scuole ele-mentari (4° e 5°), medie inferiori e medie superiore di Novi e paesi limitrofi che si sono iscritti ancora prima dell’inizio dell’anno scolastico, che parte oggi. Il programma di Noviscienza, ieri mattina le ha illustrato Manuela Arata, presidente del Festival della scienza di Genova, struttura che affianca Acos nell’organizzazione della manifestazione, che avrà luogo al museo dei campionissimi, al centro fieristico Dolci terre di Novi e in piazza Dellepiane. Tutti i giorni, dal 19 al 23 settembre, ci saranno conferenze con importanti relatori del mondo della scienza e dell’economia. Nel rimandare all’immediata vigilia degli appuntamenti l’illustrazione del programma, citiamo che la conferenza inaugurale è fissata per le 9 di mercoledì 19 settembre, con gli interventi di Manuela Arata, presidente e fondatrice del Festival della scienza e tecnology transfer del Cnr e Telmo Pievani, professore associato di filosofia delle scienze presso l’università degli studi di Milano Bicocca e segretario del consiglio scientifico del festival della scienza di Genova. Nelle giornata del 19,20,21 e 22, invece, il centro fieristico sarà riservato alle scuole e verranno realizzati laboratori specifici dedicati agli studenti di ogni ordine e grado, il gioco dell’oca ecologico, energia in bottiglia, H2Oltre – Gas giochiamo agli scienziati e Acqua in bocca e indovina la sostenibilità. C’ò II nuovo parco Le celebrazioni del 40° dell’Acos vivranno comunque un’anteprima domenica, con l’intitolazione del parco acquedotto di Novi ad Armando Pagella e Bruno Bottazzi. E-rano, rispettivamente, sindaco di Novi e primo presidente dell’azienda municipale che con le varie modifiche è diventata Acos. Ci sarà una proiezione, in anteprima, del video su Armando Pagella, mentre per le 17 è previsto un concerto in trio acustico di “Vittorio De Scalzi è il suonatore Jones”. Star dell’appuntamento musicale sarà il leader e la voce storica dei New Trolls. A fine concerto, farinata gratis a tutti i presenti.
Luciano Asborno

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest