Acos al bivio: potrebbe rinunciare alla gestione diretta delle reti del gas

GINO FORTUNATO
g.fortunato@ilnovese.info

Acos a un bivio. La società che si occupa anche della gestione delle reti del gas potrebbe infatti abbandonare la storica gestione, per rivolgersi ad altre politiche energetiche come la cogenerazio-ne, la geotermia e proseguire con il fotovoltaico. Una scelta epocale che necessita attentissime valutazioni. La decisione sulla quale sarà chiamato a decidere il Gruppo, è determinata dall’appalto gestionale sulle reti e dagli ambiti territoriali che sono stati ridisegnati. Attualmente Acos gestisce le reti del gas di parte dei due ambiti territoriali di competenza: quello che coinvolge il novese, l’acquese e l’ovadese e l’altro che riguarda il tortonese e le valli Curone, Borbera e Scrivia, compresi Serravalle, Arquata e Gavi. In ballo ci sono in totale circa cento mila abitanti per ciascun ambito. Nei prossimi mesi, quindi, Acos deciderà se e con quali modalità partecipare al bando di gara per la gestione delle reti del gas. Nel caso l’Acos vincesse, dovrebbe attuare una politica di forti investimenti, reperendo ingenti capitali, non certo facili da trovare. Potrebbe però non vincere la gara, oppure, semplicemente, astenersi. In entrambi i casi riceverebbe un indennizzo dalla società subentrante superiore ai 35 milioni di euro. Ecco allora che con questa somma Acos potrebbe rilanciarsi verso altre soluzioni imprenditoriali rivolte a esempio alle fonti di energia alternative, pur venendo meno il settore storico del gas che è uno dei punti di forza del-l’intero Gruppo. «Penso che dovremmo fare il possibile per partecipare e per vincere – sostiene l’amministratore delegato di Acos, Mauro D’Ascenzi – Per noi sarebbe l’occasione di passare dai 50 mila abitanti serviti, ai cento mila in un solo ambito. Addirittura a 200 mila, qualora vincessimo in entrambi gli ambiti. Comunque non bisogna mai innamorarsi di nulla. Per cui bisogna valutare la possibilità di altre vantaggiose opportunità che si potrebbero presentare, incassando i soldi dell’in-dennizzo che ci spetterebbe in caso di non aggiudicazione delle gare a nostro favore. Valuteremo attentamente i pro e i contro che questa operazione implica. La decisione finale sarà intrapresa in assoluta serenità, prendendo appunto in esame tutte le opportunità. Certo, la possibilità di inca-merare 30 milioni di euro cedendo il passo a un’altra società, ci concederebbe la facoltà di poter intraprendere importanti business nel settore della cogenerazione e in quello del teleriscalda-mento». La cogenerazione è quel processo con cui attraverso il gas o altre fonti, si producono calore ed energia elettrica. In questo momento però non è remunerativa la produzione di elettricità. Per cui molti progetti di cogenerazione al momento sono fermi al palo. La geotermia è l’altra possibilità. Si tratta di andare a cercare il calore che la Terra produce in profondità, attraverso pozzi che alimentano pompe di calore. Il fotovoltaico potrebbe però diventare meno vantaggioso, per la congestione del mercato e in relazione alla diminuzione degli incentivi pubblici. «L’importante -conclude D’Ascenzi – è non stare mai fermi, ma ponderare ogni novità».

Tag:

Argomenti correlati

Noi siamo la Pernigotti

Novi Ligure, 30/11/2018   SABATO 1° Dicembre ci sarà la mobilitazione dei lavoratori dello...

Gestione Acqua: ingresso a Ovada, Cassano e Strevi

Link Articolo: http://www.alessandrianews.it/novi-ligure/gestione-acqua-ingresso-ovadacassano-strevi-154543.html Gestirà acquedotto, fognatura e depurazione delle acque. A Ovada prevista l’apertura di...

Parte oggi la Festa dell’Acqua dell’Acos

Link articolo: http://www.giornale7.it/parte-oggi-la-festadellacqua-dellacos/ Torna l’appuntamento della primavera la Festa dell’Acqua, dell’Ambiente e della Solidarietà,...

Un bivio per la Cavallerizza

Si potrebbe salvare sia l’edificio principale che il cosiddetto corpo nuovo ELIO DEFRANI, e.defrani@ilnovese.info...

Quote, altra bufera sull’Acos

Novi Ligure. Le dichiarazioni attribuite all’assessore al Bilancio, Germano Marubbi (non ricandidato), che ipotizzano...

«Stop agli sponsor fantasma»

ELIO DEFRANI – e.defrani@ilnovese.info L’Italia dei Valori vuole mettere la parola «fine» alle sponsorizzazioni...

Bergaglio ‘incoronata’

Novi Ligure. Come da consolidata consuetudine, anche quest’anno la pioggia ha disturbato la Festa...

Aquarium, c’è Reppetti

Novi Ligure. Paolo Reppetti, un pallavolista alla presidenza di Aquarium, la società della quale...

Acos punta sull’idroelettrico

D’Ascenzi: «Stiamo progettando come Gestione Acqua quattro centraline»Gino FortunatoIl Gruppo Acos punta tutto sul...

La lettera

Da qualche tempo “il novese” non brilla certo per la correttezza del proprio comportamento,...

Bollicine, prima fontana

È stata posizionata, nei giorni scorsi, davanti al Museo dei Campionissimi la prima delle...

Acri, e ora che fara’?

Nei giorni scorsi si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Gestione Acqua Camillo...

Rifiuti, pioggia di multe

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. L’immondizia non piace a nessuno, nonostante ciò se ne producono...

Acos, non vendere

Dopo la vittoria dei sì ai referendum della settimana scorsa, la sinistra novese sale...

Comune, tempo di partenze

Il risultato dei referendum di domenica e lunedì “potrebbero portare a un risultato paradossale:...

I pipistrelli? Inutili

Nel consiglio comunale della settimana scorsa, dopo la discussione sul bilancio sono state prese...

La beffa del fotovoltaico

Marzia Persi. A chiusura della discussione del conto consuntivo in consiglio comunale, tenutosi la...

Pd sottopressione

Ore febbrili all’inizio di questa settimana tra i leader del Partito Democratico novese: lunedì...

Sceriffo, quanto lavoro

Novi ligure. Già fenomeno preoccu­pante negli anni precedenti, l’abbandono dei rifiuti sul ci­glio delle...

Novi Ascolta l’Africa

Novi Ligure. La manifestazione Ascolta l’Africa, in programma domani dalle 16 alle 24 in...

Comune incapace di incassare

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. Le casse comunali languono, anche perché la politica economico-fmanziaria generale...

Isole ecologiche fuorilegge

Amministratori locali in confusione sui rifiuti. La più recente normativa., un decreto ministeriale di...

Rifiuti raccolta potenziata

NOVI LIGURE. Verrà potenziata, dalla prossima settimana, la raccolta differenziata dei rifiuti. E infatti,...

L’Acos e il futuro

NOVI LIGURE- Quan­to costa non crescere: alle aziende che forniscono ser­vizi pubblici, ai comuni...

La discarica raddoppia

NOVI LIGURE. Torna alla ri­balta della cronaca la necessità ur­gente di ampliare la discarica...

Rifiuti, Novi è al 40%

La raccolta differenziata a Novi raggiunge il 40,38%. Per alcuni aspetti, il dato fornito...

Disagi col numero verde

NOVI LIGURE. Ha riaperto lo scorso mercoledì il punto informativo allestito da Acos Ambiente...

Rifiuti, ora si cambia

NOVI LIGURE – È partita dal quartiere Lodolino la nuova organizzazione della raccolta rifiuti...

Nasce l’Ato dei rifiuti

ALESSANDRIA Si è insediata, dopo la firma della Convenzione istitutiva, la Conferenza dell’Associazione di...

Raccolta rifiuti

Chi sarà il socio di «Acos Ambiente»? il servizio della raccolta dei rifiuti oggi...

Decreto del Governo

Un grado ed un’ora di riscaldamento In meno negli edifici pubblici e negli alloggi...

Notizie da Federutility

FEDERUTILITY Luce e gas, le aziende non investono di Giovanni Galli Meno investimenti per...
Alto