Acos Ambiente: è già crisi

Acos Ambiente: è già crisi

Con grande ritardo rispetto alle previsioni iniziali, Acos Ambiente ha iniziato la distribuzione dei contenitori necessari per avviare il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti. Immediatamente sono scoppiate le polemiche: molti condomini rifiutano la consegna de cassonetti e non intendono assumersi l’onere di spostarli sulla strada al momento della raccolta. L’azienda, in evidente difficoltà, sta studiando qualche tipo di soluzione per problemi che erano facilmente prevedibili: “Stiamo contattando – dice Giovanni Coscia, presidente di Acos Ambiente – una società che si assuma l’onere di ritirare i cassonetti all’interno dei condo¬mini quando passa il mezzo per il ritiro dei rifiuti”. Il rimedio, tuttavia rischia di peggiorare la situazione e di inasprire ulteriormente gli animi: quante persone consentiranno ad estranei di entrare in casa propria? Nel frattempo, l’amministrazione comunale ha ulteriormente aumentato la tassa sulla raccolta dei rifiuti. Di questo e d’altro si occuperà quanto prima il consiglio comunale, a seguito dell’interpellanza presentata dal capogruppo di Forza Italia, Maria Rosa Porta.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest