ACOS AMBIENTE Tornano le isole ecologiche in periferia

ACOS AMBIENTE Tornano le isole ecologiche in periferia

Sono trascorsi circa otto anni dalla chiusura dell’ultima isola ecologica di via Pietro Isola a Novi ma, entro i primi mesi del 2008, saranno ripristinate alcune aree in zone periferiche, deputate alla raccolta di rifiuti ingombranti, ma anche dì materiale pericoloso come batterie per auto o frigoriferi, sotto il controllo di Acos-Ambiente. Le isole ecologiche fanno parte del programma di raccolta differenziata dei rifiuti urbani attuato in città dalla scorsa primavera ma non ancora completamente entrato a regime. «Il problema della qualità dei rifiuti riciclabili esiste – dice il sindaco Lorenzo Robbiano – e va affrontato sensibilizzando gli utenti a prestare la massima attenzione a quello che viene gettato nei vari contenitori. Ecco perché si stanno mettendo a punto accorgimenti relativi al numero e alla collocazione dei cassonetti, alla modifica dei percorsi e alla frequenza della raccolta. Dal 2008, quando il sistema sarà a regime, partirà anche il servizio di lavaggio dei contenitori e stiamo lavorando per offrire ad alcune categorie, come i commercianti e gli artigiani, un servizio più mirato alle loro esigenze. Le isole ecologiche saranno pertanto un servizio aggiuntivo che, unito al ritiro a domicilio, consentirà a ciascun cittadino di conferire agevolmente i propri rifiuti ingombranti».La prima isola ecologica sarà realizzata in zona Cipian. Sarà aperta tutti i giorni della settimana, domenica inclusa. La seconda si sta invece individuando nella zona dell’Uva, verso gli insediamenti produttivi. L’accesso per entrambe sarà regolamentato con precisi orari che stabilirà Acos. Oltre a Novi, le isole ecologiche saranno insediate anche a Castellazzo, Francavilla, Arquata e Predosa.

[G FO ]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest