Acos diserta la differenziata del mercato di via Garibaldi

Acos diserta la differenziata del mercato di via Garibaldi

GINO FORTUNATO. NOVI

«In via Garibaldi, duran­te il mercato alimentare del giovedì, la raccolta dif­ferenziata viene praticata dagli ambulanti, ma è com­pletamente disattesa dagli operatori addetti alla rac­colta dei rifiuti». Lo sostiene da circa due anni il capogruppo consilia­re dei Leghisti per Novi, Giuseppe Dolcino, che lan­cia un’accusa verso la gestione e il controllo che so­no in carico ad Acos Am­biente. Al termine del mer­cato settimanale di via Garibaldi, la città si trova ad af­frontare l’abbandono dei ri­fiuti (organici ed inorgani­ci), sparsi dovunque, anche per mancanza di un’idonea «isola» di cassonetti, capaci di ricevere il rifiuto oppor­tunamente differenziato. «Dopo due anni di conti­nue proteste e interpellan­ze consiliari nulla è cambia­to – prosegue Dolcino -. In questi giorni Guido Trespioli, presidente del consorzio raccolta rifiuti, ha dichiara­to che “bisogna raggiunge­re una percentuale del 65% nella differenziata se non si vuole incorrere nelle eco sanzioni”. Ebbene, come rispo­sta a questo problema, in via Garibaldi nei giorni di merca­to, quando i commercianti ambulanti hanno diviso dili­gentemente il legno, la plasti­ca, il polistirolo e l’umido, ar­riva sul posto un solo mezzo e raccoglie tutto in un’unica so­luzione. Questo comporta­mento prende in giro e umilia i cittadini per bene che faccia­no il loro dovere differenzian­do i rifiuti. Trespioli dice giu­stamente che la differenzia­zione del rifiuto deve entrare nella coscienza e nella cultu­ra dei cittadini, ma noi ci chie­diamo quando questa cultura entrerà nella coscienza degli amministratori». «La situazione non sta esattamente nei termini po­sti dal consigliere comunale Dolcino – precisa Gianni Co­scia, presidente di Acos Am­biente – perché è vero che si­no a questo momento ci sono state alcune discrepanze, ma solo per ragioni di organizza­zione del servizio. Infatti il prodotto totale che gli ambu­lanti lasciano in via Garibaldi viene raccolto e classificato come indifferenziato. Il no­stro ispettore ambientale ve­rifica che insieme agli imbal­laggi, dove comunque viene separato il cartone, non ci sia­no materiali pericolosi. Per quanto concerne la differen­ziata, esattamente come è stata posta da tempo ai citta­dini, scatterà a breve anche per il commercio ambulante. In via Garibaldi, stiamo com­pletando un piano di conferi­mento che si avvarrà di uno spazio apposito che concor­deremo col Comune, dove sa­ranno posizionati i cassonetti specifici».

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest