Acos e Ici salvano il bilancio

Acos e Ici salvano il bilancio

Novi ligure. È stato approvato con 12 voti favo­revoli (quelli dei componenti dei gruppi di maggioranza) e 6 contrari (Pdl, X Novi Maria Rosa Porta, Novesi per la Libertà ed il consigliere indi­pendente Francesco Sofio) il riequili­brio di bilancio del Comune di Novi, illustrato dall’assessore Germano Marubbi nella seduta di consiglio comu­nale lunedì sera. Secondo quanto spie­gato da Marubbi, la manovra è di pro­porzioni ridotte, sia in termini di va­lori che per quanto attiene i capitoli interessati. «Dagli utili della società Acos il Co­mune recupera circa 211 mila euro, dall’Ici (Imposta comunale sugli im­mobili) altri 79 mila euro. Con parte di queste risorse si farà fronte ai trasferi­menti verso la società No­viservizi (75 mila euro) ed il Cit (Consorzio interco­munale trasporti) per altri 65 mila euro. Inoltre, 50.000 euro verranno de­stinati al piano neve per adimento, reso immediatamente esecu­tivo, ha permesso di istituire la De.Co. (Denominazione comunale) ed il re­lativo logo congiunto al marchio Dolci Terre di Novi, che identificherà non solo i prodotti, ma anche sagre e ma­nifestazioni tipiche del territorio novese. Soddisfatto l’assessore alle atti­vità produttive Paolo Parodi. Nella seduta che si è aperta con il ricordo di Vito Drago, presidente della Fondazione teatro Marenco recente­mente scomparso, è stata respinta la mozione presentata dai consiglieri Francesco Sofio e Giuseppe Dolcino in merito al posizionamento di conteni­tori per la raccolta dei rifiuti in via Marconi. L’assessore competente, Carmine Cascarino, ha spiegato come la proposta non poteva essere accolta in quanto incompatibile con il sistema di raccolta che, nel centro storico, pre­vede il servizio porta a porta. Lo stesso ha affermato che si continuerà a monitorare attentamente la situazione e si metteranno in atto anche azioni sanzionatone nei confronti di coloro che abbandono i rifiuti in strada. Ca­scarino, infine, ha informato che l’ar­gomento verrà affrontato nel corso di un incontro con Srt e Csr in program­ma il prossimo 8 ottobre. Luciano Asborno

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest