Acos, Rossi e Acri si giocano la presidenza

È guerra sotterranea per la presidenza dell’Acos, la principale azienda parte­cipata dal Comune di Novi che ne pos­siede il 64 per cento. I due contendenti sono l’attuale presidente Camillo Acri e il consigliere comunale del Pd Roberto Rossi. Acri, tra i vertici della vecchia Marghe­rita, è sulla poltrona più alta dell’ex municipalizzata da ormai otto anni, quando la crisi tra lo Sdì e l’allora sin­daco Mario Lovelli portò in giunta al­cuni esponenti eletti con i Democratici. Acri, in predicato per diventare asses­sore allo sport, al termine di una lunga trattativa rimase fuori dai giochi e, qualche mese dopo, nel dicembre del 2001, venne ricompensato con la presi­denza di Acos. Da allora, l’ex arbitro detiene ininter­rottamente la sua carica. Confermato nel 2004 dal nuovo primo cittadino Lorenzo Robbiano, l’incarico di Acri sa­rebbe dovuto scadere dopo i canonici cinque anni, in seguito alle elezioni co­munali del 2009. Due anni e mezzo pri­ma, però, ci s si mise di mezzo il governo: con una legge, infatti, Prodi stabilì che il numero dei consiglieri di amministrazione delle società controllate da enti locali doveva diminuire. Nel novembre del 2007, così, Acos e Cit furono costret­te a rinominare i cda tagliando un bel po’ di teste. Acri, ancora una volta; ri­mase in sella guadagnandoci anche ‘un annetto in più: la scadenza del consiglio di amministrazione, infatti, venne po­sticipata al novembre di quest’anno. E così arriviamo ai giorni nostri. Rober­to Rossi, anch’egli proveniente dalla Margherita, dopo le elezioni del 2009, ottenne dal sindaco la promessa che la presidenza dell’Acos sarebbe spettata a lui. Non che ne avesse molti titoli: l’in­carico di presidente del consiglio Rossi l’aveva svolto senza infamia e senza lo­de e, nonostante la sua adesione – quan-tomeno formale – al Pd, sono in molti a ricordare la sua scarsa partecipazione alla vita di partito. Si racconta addirit­tura che, in due anni, prese parte ad un’unica riunione: quella per decidere le candidature alle comunali. Ma forse è l’invidia a parlare. Quel fa­tidico 7 giugno, infatti, alla chiusura delle urne Rossi si ritrovò in tasca qual­cosa come 230 preferenze, divenendo il consigliere più votato di tutta la città. Di certo non era pensabile che accettas­se di scaldare una sedia qualunque a Palazzo Pallavicini: e così in seno alla maggioranza maturò la decisione di de­stinarlo all’Acos al posto di Camillo Acri. Quest’ultimo però non pare avere nessuna intenzione di mollare la presi­denza della più ricca azienda cittadina. Dal suo ex compagno di partito, Rossi si sarebbe probabilmente aspettato un ge­sto di cortesia istituzionale: quelle di­missioni che di solito vengono rassegna­te all’indomani delle elezioni, per per­mettere alla nuova amministrazione -se lo desidera – di nominare persone di propria fiducia. Dimissioni che però, nel caso di Acri, non sono mai arrivate. Forse ha pensa­to che, rimanendo inalterata la maggio­ranza, non era il caso di farlo. O forse sta semplicemente cercando di rimane­re a cavallo il più a lungo possibile. Dopo quasi un anno di attesa, ora Ros­si inizia a scalpitare e quella che era.co-minciata come una guerra fredda fatta soprattuttòdi discreti tentativi di con­vincimento, sta diventando una lotta al­l’ultimo sangue. Qualcuno a palazzo starebbe addirittura pensando a una so­luzione drastica: chiedere agli ammini­stratori delle aziende comunali di di­mettersi. Un atto che però piace a po­chi: sicuramente non al sindaco Robbia­no che dovrebbe assumersene la pater­nità e che si troverebbe coinvolto diret­tamente nello scontro tra Rossi e Acri. E per di più la richiesta potrebbe cade­re nel vuoto, visto che Acos è una socie­tà per azioni e risponde alle regole del diritto privato. Nel frattempo Acri sta giocando le sue ultime carte: proprio su queste colonne, poco tempo fa ha spiegato di conside­rarsi «equidistante dal Pd e dall’Udc». Un’uscita che avrebbe irritato ancor di più Rossi: se l’ex arbitro infatti riesce ad accreditarsi come l’ufficiale di collega­mento tra le due formazioni, infatti, c’è il pericolo che la promessa fatta al con­sigliere democratico venga sacrificata sull’altare di un’eventuale alleanza tra Pd e Udc di casa nostra. E oggi, in cit­tà, il partito di Casini vale il 5,2 per cen­to: esattamente quanto serve per garan­tire al centrosinistra la maggioranza as­soluta dei consensi.

Tag:

Argomenti correlati

Noi siamo la Pernigotti

Novi Ligure, 30/11/2018   SABATO 1° Dicembre ci sarà la mobilitazione dei lavoratori dello...

Gestione Acqua: ingresso a Ovada, Cassano e Strevi

Link Articolo: http://www.alessandrianews.it/novi-ligure/gestione-acqua-ingresso-ovadacassano-strevi-154543.html Gestirà acquedotto, fognatura e depurazione delle acque. A Ovada prevista l’apertura di...

Parte oggi la Festa dell’Acqua dell’Acos

Link articolo: http://www.giornale7.it/parte-oggi-la-festadellacqua-dellacos/ Torna l’appuntamento della primavera la Festa dell’Acqua, dell’Ambiente e della Solidarietà,...

Un bivio per la Cavallerizza

Si potrebbe salvare sia l’edificio principale che il cosiddetto corpo nuovo ELIO DEFRANI, e.defrani@ilnovese.info...

Quote, altra bufera sull’Acos

Novi Ligure. Le dichiarazioni attribuite all’assessore al Bilancio, Germano Marubbi (non ricandidato), che ipotizzano...

«Stop agli sponsor fantasma»

ELIO DEFRANI – e.defrani@ilnovese.info L’Italia dei Valori vuole mettere la parola «fine» alle sponsorizzazioni...

Bergaglio ‘incoronata’

Novi Ligure. Come da consolidata consuetudine, anche quest’anno la pioggia ha disturbato la Festa...

Aquarium, c’è Reppetti

Novi Ligure. Paolo Reppetti, un pallavolista alla presidenza di Aquarium, la società della quale...

Acos punta sull’idroelettrico

D’Ascenzi: «Stiamo progettando come Gestione Acqua quattro centraline»Gino FortunatoIl Gruppo Acos punta tutto sul...

La lettera

Da qualche tempo “il novese” non brilla certo per la correttezza del proprio comportamento,...

Bollicine, prima fontana

È stata posizionata, nei giorni scorsi, davanti al Museo dei Campionissimi la prima delle...

Acri, e ora che fara’?

Nei giorni scorsi si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Gestione Acqua Camillo...

Rifiuti, pioggia di multe

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. L’immondizia non piace a nessuno, nonostante ciò se ne producono...

Acos, non vendere

Dopo la vittoria dei sì ai referendum della settimana scorsa, la sinistra novese sale...

Comune, tempo di partenze

Il risultato dei referendum di domenica e lunedì “potrebbero portare a un risultato paradossale:...

I pipistrelli? Inutili

Nel consiglio comunale della settimana scorsa, dopo la discussione sul bilancio sono state prese...

La beffa del fotovoltaico

Marzia Persi. A chiusura della discussione del conto consuntivo in consiglio comunale, tenutosi la...

Pd sottopressione

Ore febbrili all’inizio di questa settimana tra i leader del Partito Democratico novese: lunedì...

Sceriffo, quanto lavoro

Novi ligure. Già fenomeno preoccu­pante negli anni precedenti, l’abbandono dei rifiuti sul ci­glio delle...

Novi Ascolta l’Africa

Novi Ligure. La manifestazione Ascolta l’Africa, in programma domani dalle 16 alle 24 in...

Comune incapace di incassare

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. Le casse comunali languono, anche perché la politica economico-fmanziaria generale...

Isole ecologiche fuorilegge

Amministratori locali in confusione sui rifiuti. La più recente normativa., un decreto ministeriale di...

Rifiuti raccolta potenziata

NOVI LIGURE. Verrà potenziata, dalla prossima settimana, la raccolta differenziata dei rifiuti. E infatti,...

L’Acos e il futuro

NOVI LIGURE- Quan­to costa non crescere: alle aziende che forniscono ser­vizi pubblici, ai comuni...

La discarica raddoppia

NOVI LIGURE. Torna alla ri­balta della cronaca la necessità ur­gente di ampliare la discarica...

Rifiuti, Novi è al 40%

La raccolta differenziata a Novi raggiunge il 40,38%. Per alcuni aspetti, il dato fornito...

Disagi col numero verde

NOVI LIGURE. Ha riaperto lo scorso mercoledì il punto informativo allestito da Acos Ambiente...

Rifiuti, ora si cambia

NOVI LIGURE – È partita dal quartiere Lodolino la nuova organizzazione della raccolta rifiuti...

Nasce l’Ato dei rifiuti

ALESSANDRIA Si è insediata, dopo la firma della Convenzione istitutiva, la Conferenza dell’Associazione di...

Raccolta rifiuti

Chi sarà il socio di «Acos Ambiente»? il servizio della raccolta dei rifiuti oggi...

Decreto del Governo

Un grado ed un’ora di riscaldamento In meno negli edifici pubblici e negli alloggi...

Notizie da Federutility

FEDERUTILITY Luce e gas, le aziende non investono di Giovanni Galli Meno investimenti per...
Alto