Ambiente, debutta il riordino

La «Via» riunisce le autorizzazioni – Revisione per scarti nocivi

Paola Ficco. Tra due settimane saranno operative importanti modifiche al Codice ambientale. Il 13 febbra­io entra in vigore, infatti, il secon­do correttivo al Codice, vale a di­re il decreto legislativo 16 genna­io 2008, n. 4 (pubblicato nella «Gazzetta Ufficiale» n. 24 del 29 gennaio). Un decreto profonda­mente diverso dagli schemi inizia­li, perché non solo riscrive inte­gralmente il Codice in materia di Via (Valutazione impatto am­bientale), Vas (Valutazione am­bientale strategica) e Aia (Auto­rizzazione integrata ambienta­le), ma modifica anche la terza (acque) e la quarta parte (rifiuti e bonifiche) del decreto. Non tut­te le norme saranno esecutive dal 13 febbraio. In alcuni casi si dovrà aspettare l’attuazione. Fra Via e Vas È immediatamente esecutiva, per esempio, la nuova disciplina di Via, Vas e Aia: l’impatto immedia­to (e favorevole) per le imprese sta nel fatto che la Via «sostitui­sce o coordina tutte le altre auto­rizzazioni, intese, concessioni, li­cenze, pareri, nulla osta e assen­si», inclusa l’Aia. L’iter autorizzativo di un pro­getto non è sospeso dalla Via e de­ve essere realizzato entro cinque anni dalla pubblicazione del prov­vedimento di Via. Per i progetti nazionali, se c’è la Via non c’è bisogno dell’Aia. Per i progetti regionali, invece, le Re­gioni assicurano che la procedura di Aia sia integrata con quella di Via. Nel caso in cui ci sia bisogno di Aia e Via, inoltre, basta una sola consultazione del pubblico. Per le opere soggette a Vas e Via, nella redazione dei progetti e nella valutazione, «sono tenute in considerazione la documentazio­ne e le conclusioni della Vas». I provvedimenti adottati senza Vas e/o Via sono annullabili per violazione di legge. I rifiuti Discorso a parte meritano i rifiuti. Il deposito temporaneo del produttore diventa più semplice: de­cade il parametro bimestrale e re­sta solo il trimestre, sia per i rifiuti pericolosi che non pericolosi (re­stano salve le soglie dimensiona­li). In entrambi i casi lo stoccag­gio non ha limiti di quantità. Scompare, inoltre, il deposito temporaneo affidato a soggetto terzo. Il recupero agevolato man­tiene tutta la sua vigenza e i Dm 5 febbraio 1998, 161/2002 e 269/2005 restano efficaci. Le procedure semplificate per il recupero, poi, sfuggono all’Al­bo gestori e ritornano alle Provin­ce. Le eco-piazzole diventano cen­tri di raccolta di rifiuti conferiti dai “detentori” ma la disciplina è rimessa a un Dm: fino ad allora sa­rà necessaria l’autorizzazione. Ritorna l’obbligo di vidimazio­ne del registro di carico e scarico, ma a opera delle Ccia. I registri sa­ranno soggetti a diritti di segrete­ria, imposta di bollo e (probabil­mente) tassa di concessione go­vernativa. Questo obbligo va assolto dal 13 febbraio da tutti i sog­getti interessati. Non è stata inse­rita una norma transitoria: i regi­stri pregressi non sono quindi più validi. Restala possibilità di tener­li su carta formato A4 e il non ob­bligo di stampa periodica. È que­sto il dato che inibisce ogni serio controllo perché i fogli mobili possono essere scambiati, anche se vidimati. Ritorna il Mud (Modello uni­co di dichiarazione) per i produt­tori di rifiuti non pericolosi, ma solo se hanno più di dieci dipen­denti e se producono i rifiuti indi­cati alle lettere e), d) e g) dell’arti­colo 184, comma 3 (si veda la scheda a lato). Un Dm regolerà, poi, registro, Mud e formulario telematici; criteri per l’assimila­zione agli urbani dei rifiuti spe­ciali; semplificazione delle pro­cedure per terre e rocce di scavo dei piccoli cantieri e certificato di avvenuto smaltimento. www. ilsole24ore.com Il testo del decreto legislativo

Tag:

Argomenti correlati

Noi siamo la Pernigotti

Novi Ligure, 30/11/2018   SABATO 1° Dicembre ci sarà la mobilitazione dei lavoratori dello...

Gestione Acqua: ingresso a Ovada, Cassano e Strevi

Link Articolo: http://www.alessandrianews.it/novi-ligure/gestione-acqua-ingresso-ovadacassano-strevi-154543.html Gestirà acquedotto, fognatura e depurazione delle acque. A Ovada prevista l’apertura di...

Parte oggi la Festa dell’Acqua dell’Acos

Link articolo: http://www.giornale7.it/parte-oggi-la-festadellacqua-dellacos/ Torna l’appuntamento della primavera la Festa dell’Acqua, dell’Ambiente e della Solidarietà,...

Un bivio per la Cavallerizza

Si potrebbe salvare sia l’edificio principale che il cosiddetto corpo nuovo ELIO DEFRANI, e.defrani@ilnovese.info...

Quote, altra bufera sull’Acos

Novi Ligure. Le dichiarazioni attribuite all’assessore al Bilancio, Germano Marubbi (non ricandidato), che ipotizzano...

«Stop agli sponsor fantasma»

ELIO DEFRANI – e.defrani@ilnovese.info L’Italia dei Valori vuole mettere la parola «fine» alle sponsorizzazioni...

Bergaglio ‘incoronata’

Novi Ligure. Come da consolidata consuetudine, anche quest’anno la pioggia ha disturbato la Festa...

Aquarium, c’è Reppetti

Novi Ligure. Paolo Reppetti, un pallavolista alla presidenza di Aquarium, la società della quale...

Acos punta sull’idroelettrico

D’Ascenzi: «Stiamo progettando come Gestione Acqua quattro centraline»Gino FortunatoIl Gruppo Acos punta tutto sul...

La lettera

Da qualche tempo “il novese” non brilla certo per la correttezza del proprio comportamento,...

Bollicine, prima fontana

È stata posizionata, nei giorni scorsi, davanti al Museo dei Campionissimi la prima delle...

Acri, e ora che fara’?

Nei giorni scorsi si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Gestione Acqua Camillo...

Rifiuti, pioggia di multe

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. L’immondizia non piace a nessuno, nonostante ciò se ne producono...

Acos, non vendere

Dopo la vittoria dei sì ai referendum della settimana scorsa, la sinistra novese sale...

Comune, tempo di partenze

Il risultato dei referendum di domenica e lunedì “potrebbero portare a un risultato paradossale:...

I pipistrelli? Inutili

Nel consiglio comunale della settimana scorsa, dopo la discussione sul bilancio sono state prese...

La beffa del fotovoltaico

Marzia Persi. A chiusura della discussione del conto consuntivo in consiglio comunale, tenutosi la...

Pd sottopressione

Ore febbrili all’inizio di questa settimana tra i leader del Partito Democratico novese: lunedì...

Sceriffo, quanto lavoro

Novi ligure. Già fenomeno preoccu­pante negli anni precedenti, l’abbandono dei rifiuti sul ci­glio delle...

Novi Ascolta l’Africa

Novi Ligure. La manifestazione Ascolta l’Africa, in programma domani dalle 16 alle 24 in...

Comune incapace di incassare

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. Le casse comunali languono, anche perché la politica economico-fmanziaria generale...

Isole ecologiche fuorilegge

Amministratori locali in confusione sui rifiuti. La più recente normativa., un decreto ministeriale di...

Rifiuti raccolta potenziata

NOVI LIGURE. Verrà potenziata, dalla prossima settimana, la raccolta differenziata dei rifiuti. E infatti,...

L’Acos e il futuro

NOVI LIGURE- Quan­to costa non crescere: alle aziende che forniscono ser­vizi pubblici, ai comuni...

La discarica raddoppia

NOVI LIGURE. Torna alla ri­balta della cronaca la necessità ur­gente di ampliare la discarica...

Rifiuti, Novi è al 40%

La raccolta differenziata a Novi raggiunge il 40,38%. Per alcuni aspetti, il dato fornito...

Disagi col numero verde

NOVI LIGURE. Ha riaperto lo scorso mercoledì il punto informativo allestito da Acos Ambiente...

Rifiuti, ora si cambia

NOVI LIGURE – È partita dal quartiere Lodolino la nuova organizzazione della raccolta rifiuti...

Nasce l’Ato dei rifiuti

ALESSANDRIA Si è insediata, dopo la firma della Convenzione istitutiva, la Conferenza dell’Associazione di...

Raccolta rifiuti

Chi sarà il socio di «Acos Ambiente»? il servizio della raccolta dei rifiuti oggi...

Decreto del Governo

Un grado ed un’ora di riscaldamento In meno negli edifici pubblici e negli alloggi...

Notizie da Federutility

FEDERUTILITY Luce e gas, le aziende non investono di Giovanni Galli Meno investimenti per...
Alto