Aquarium, c'è Reppetti

Aquarium, c’è Reppetti

Novi Ligure. Paolo Reppetti, un pallavolista alla presidenza di Aquarium, la società della quale Acos Spa detiene il 98% delle azioni, che gestisce la piscina comunale e ha una società agonistica di nuoto e pallanuoto. La scelta di Reppetti non è dovuta a valutazioni prettamente sportive, ma amministrative ed è stata assunta per decisione del consiglio di amministrazione di Acos, che per sostituire il compianto presidente Gianni Bellasera ha optato per una soluzione interna e ha chiesto al vicepresidente Paolo Reppetti di assumere anche la presidenza di Aquarium. Dopo la nomina del nuovo presidente decisa martedì scorso, il consiglio di amministrazione di Aquarium resta immutato negli altri quattro quinti, con Antonello Rastrelli vice presidente e Monica Puppo, Giuseppe Borsoi e Laura Coscia consiglieri. Confermati anche i componenti del collegio sindacale, presieduto da Rosanna Rossi e ha per componenti Gianfranco Bertolini e Pier Paola Caselli, entrambe con il ruolo di sindaco revisore. Nella stessa giornata, in occasione della riunione ordinaria, il consiglio di amministrazione di Acos, riunitosi sotto la presidenza di Roberto Rossi, ha accettato le dimissioni di Luigi Giuseppe Villani, componente del cda Acos indicato dal socio privato Iren e lo ha sostituito con l’ingegner Morandi, anch’esso indicato da Iren, colosso dell’energia nonché socio industriale di Acos che è la società per azioni a capitale prevalentemente pubblico della quale il Comune di Novi detiene la maggioranza delle azioni. Giuseppe Villani, ex capogruppo del Pdl nel consiglio regionale dell’Emilia Romagna, nello scorso mese di gennaio era stato arrestato a Parma sugli sviluppi dell’inchiesta della Guardia di Finanza e della magistratura della città ducale per presunte tangenti ricevute in occasione delle elezioni amministrative del 2007 a Parma. Nulla a vedere, quindi, con la sua attività in Acos, società per azioni della quale era stato componente del consiglio di amministrazione per circa 18 mesi.LA.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest