Aumenta la raccolta differenziata

Aumenta la raccolta differenziata

NOVI LIGURE. Dopo il quartiere Lodolino, in questa settimana, saranno consegnati i nuovi bidoncini per la raccolta dell’organico alle famiglie residenti nella zona fra viale Rimembranza, corso Italia, via Garibaldi e via Cavollotti. Giovedì 17 maggio, alle 21, al ForAl di via Carducci il presidente di Acos Ambiente, Gianni Coscia, l’assessore all’ecologia Alberto Mallarino e il presidente del Consorzio Servizio Rifiuti Oreste Soro incontreranno i cittadini per spiegare le modalità del nuovo servizio raccolta rifiuti. La distribuzione dei nuovi bidoncini e dei cassonetti condominiali al Lodolino ha creato disagi. «Qualche problema è sorto per i condomini – dice Coscia – dove sono collocati nei cortili interni cassonetti che devono essere posti sulla strada, nei giorni prestabiliti, (due volte alla settimana in inverno e tre volte nei mesi estivi) dai singoli condomini, così stiamo contattando una società che a un costo contenuto si prenda l’onere di svolgere questa operazione in tutti i caseggiati della città». Non si sa chi gestirà questo compito che, comunque, sarà seguito dal Consorzio servizio Rifiuti e non da Acos Ambiente. «Certo – puntualizza Coscia – questo servizio avrà un costo ma se l’adesione sarà numerosa la cifra da sborsare da parte dei condomini sarà irrisoria». La nuova raccolta porta a porta, secondo il presidente Acos Ambiente, è una necessità alla quale nessun novese può sottrarsi:«La discarica non potrà più ricevere – puntualizza Coscia – rifiuti come oggi perché si sta esaurendo, bisognava trovare la soluzione. Il nuovo servizio è appena partito, bisognerà fare correzioni, ma funziona e funzionerà sempre meglio». I primi dati sono incoraggianti: «Abbiamo raggiunto solo mettendo i nuovi cassonetti per carta e cartone, vetro e plastica già il 33% di differenziata, a gennaio era solo il 26%. Obiettivo è arrivare, nel 2012, al 65%». Dopo la zona di viale Rimembranza i bidoncini monofamiliari saranno dati ai residenti del centro storico. M.PE.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest