Centro fitness e piscina tra ritardi e polemiche

Centro fitness e piscina tra ritardi e polemiche

Avrebbe dovuto essere pronto a luglio, poi è slittato a settembre e ora a gennaio 2008. Forza Italia chiede chiarimenti NOVI LIGURE. Il centro fitness di via Rosselli aprirà a gennaio 2008 anziché nel prossimo settembre. I ritardi sono dovuti al fatto che tra la ditta edile, Costruzioni Buffarello,che sta eseguendo i lavori e la società Aquarium che gestisce l’impianto natatorio novese è nato un contenzioso. «Il progettista e direttore dei lavori, l’architetto Taverna di Genova – dice Gianni Bellasera, presidente di Aquarium – è a conoscenza dalla questione e del fatto che ci sono forti ritardi rispetto al tempi previsti in fase progettuale. Ora con i nostri legali ci stiamo muovendo per definire la questione». Probabilmente qualche penale sarà da pagare, la struttura avrebbe dovuto essere pronta già a luglio per poi aprire l’attività a settembre. Intanto il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, Maria Rosa Porta, ha chiesto di poter visionare il contratto che Aquarium ha sottoscritto con i futuri gestori della palestra. «Attendo la documentazione da febbraio – dice Maria Rosa Porta – da quando è stato presentato in Consiglio comunale il progetto della palestra e non ho ancora avuto risposta». Se Aquarium non risponderà ai solleciti del consigliere comunale, potrebbero scattare esposti al Prefetto e alla Corte dei Conti. «La società che si occupa delle piscine – continua Porta -è controllata da Acos spa, il cui primo azionista è il Comune di Novi; quindi, pur essendo una società per azioni, Aquarium rientra tra gli enti nei confronti dei quali i consiglieri comunali hanno potére ispettivo. Questa reticenza non va bene, la nascita di questo centro è stata oggetto di forti contrasti anche in maggioranza, ritengo che sia doverosa da parte della dirigenza di Aquarium la massima trasparenza». Aquarium afferma di voler collaborare:«Nel contratto stipulato fra le parti – dice Gianni Bellasera – vi era una clausola di riservatezza che devo osservare, non appena avrò il nulla osta dei futuri gestori, invierò tutta la documentazione al consigliere Porta». MARZIA PERSI

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest