Consorzio Rifiuti, nuovo consiglio di amministrazione

Consorzio Rifiuti, nuovo consiglio di amministrazione

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE.

Presto anche il Csr (Consorzio servizio rifiuti) avrà un nuovo consiglio di ammini-strazione. Termina, infatti, in questi giorni, la possibilità di inviare ai Comuni consorziati i curricula per poter essere scelti. Alla fine del mese si riunirà l’assemblea generale alla quale partecipano i sindaci dei 116 Comuni consorziati che dovrà esaminare e approvare il riequilibrio di bilancio, nella stessa sede si discuterà anche del nuovo cda che durerà in carica 5 anni. Il consiglio di amministrazione è composto dal presidente e da otto membri, tutti, ormai da tempo, non percepiscono alcun gettone di presenza. Attualmente è presidente del consorzio Gianfranco Ludovici, sindaco di Basaluzzo, e consigliere più anziano dell’assemblea. La carica era ricoperta dal novese Oreste Soro, che è scomparso lo scorso 2 giugno. Sulla vita di questo ente, al momento non vi è nulla di certo dal momento che sarà la Regione a dare la linea. In passato il governatore Roberto Gota (Lega Nord) aveva ipotizzato lo scioglimento dei consorzi optando di assegnare 1’organizzazione.del ciclo dei rifiuti alle Province. Quindi spetta anche questa volta al presidente Chiamparino decidere come procedere. Rimane poi ancora da nominare, per quanto concerne Novi, anche il consiglio di amministrazione del Csp (Consorzio servizi alla persona) al momento presieduto da Ippolito Negro/Anche in questo caso non sono previste remunerazioni né per il presidente né per gli altri componenti del cda. Sono stati altresì invece nominati il presidente di Acos S.p A nella persona di Silvia Siri e quello del Cit (Consorzio Intercomunale Trasporti) Fe-derico Fontana, riconfermato. Lorenzo Robbiano, ex sindaco di Novi, è presidente di Acos Am-biente, società che fa parte di Gestione Ambiente. Acos Ambiente è stata la prima società del “ramo” rifiuti nata in serio ad Acos spa ormai alcuni anni fa. Poi nel corso del tempo ci sonò stati degli ampliamenti e delle modifiche che hanno portato alla costituzione di Gestione Ambiente. Prossimamente Robbiano dovrà occuparsi della riorganizzazione del servizio che comprende anche lo spazzamento strade. «Sarà necessaria una continua opera di sensibilizzazione – dice Robbiano – per i cittadini non solo dal punto di vista comportamentale ma anche dal punto di vista culturale. Il rifiuto deve essere concepito come “materia seconda”, quindi una risorsa che va reinvestita nella vita di tutti i giorni».

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest