Il Piemonte potenzia i centri raccolta rifiuti

L’OBIETTIVO. Si tratta di aree per favorire anche il conferimento di scarti ingombranti, pneumatici, oli esausti, apparecchiature elettroniche .

TORINO.
Quasi tre milioni per finan­ziare 32 progetti di realizzazione o adeguamento per altrettanti centri di raccolta rifiuti: li ha stan­ziati nei giorni scorsi l’Assessora­to piemontese all’Ambiente per potenziare i servizi sul territorio. Non tutte le province sono inte­ressate al provvedimento, ma so­no dieci gli enti che ne beneficeranno, con risorse diverse (dai quasÌ42mila euro per il consorzio che serve la Val Susa agli oltre 73imila di quello alessandrino). L’iniziativa interessa centri co­munali e consortili di raccolta ri­fiuti, quegli spazi in cui i cittadini, a seconda del Comune di residen­za, portano i rifiuti che non sono ritirati nella normale attività di raccolta e che vengono seleziona­ti per essere avviati al riciclo e al recupero di materiali (come car­ta, plastica, legno e vetro, ma anche rifiuti ingombranti, Rae – rifiu­ti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, pneumatici, oli esau­sti). Non si tratta delle “semplici” aree ecologiche, ma di centri spe­cializzati che rispecchiano la nuova definizione nelle norme nazio­nali (decreto legislativo 152-2006, secondo le direttive comunita­rie). «I progetti sono stati selezio­nati in seguito a bandi- spiega Aga­ta Milone, dirigente responsabile del settore programmazione rifiuti in Regione-: 90 le domande presentate, di cui 67 sono state consi­derate ammissibili, tra i quali so­no stati scelti i 32 progetti finanzia­ti, con importi differenti. Si tratta infatti di interventi completamente diversi, dalla realizzazione ex novo a ulteriori perfezionamenti come raccolta di acque meteoriche, illuminazio­ne, recinzione». I dieci i consorzi di gestione dei rifiuti che riceve­ranno questi fondi, per una serie di progetti, anche più di uno per singolo ente, realizzeranno nuo­ve strutture (21 interventi) o ade­gueranno impianti esistenti alle norme in vigore (undici). In me­dia, l’ammontare dei singoli in­terventi è intorno ai 93 mila euro, dato che sale a 192 mila per i primi dieci (che “valgono” due terzi dell’intero stanziamento; si veda la tabella a lato) e scende a 48mi-la per gli altri ventidue. I lavori più onerosi sono quelli per nuove aree, tutte nella “top ten” dei finanziamenti che da sola rappresenta circa due terzi delle risorse rese disponibili; per nuo­ve aree anche gli altri due inter­venti superiori ai 100 mila euro. Traglienti, poi, al Consorzio Ales­sandrino viene destinato quasi un quarto del totale delle risorse, al Covar 14 (organismo che cura l’igiene urbana per 19, Comuni dell’area Sud Ovest di Torino) circa un quinto; fanalino di coda il Cados (Consorzio ambiente Dora Sangone), che non raggiunge 50 mila euro mentre gli altri nove superano quota 100 mila. «La scelta di sostenere questi “ecocen­tri” – dichiara Nicola de Ruggiero, assessore regionale all’Ambiente – è un impegno che nasce dal fatto che li si favorisce il recupero di materiali, avvantaggiato da strut­ture adeguate e vicine, per i citta­dini. Non sono e non devono esse­re “piccole discariche”, ma luoghi ben fruibili per la raccolta di rifiu­ti Tra tutte le richieste, abbiamo il dovere di sostenere prima quel­le a realizzazione certa; ora auspi­chiamo tempi rapidi di avviamen­to di questi lavori». Gli interventi più onerosi saranno nel Torinese, a Nichelino e a Rivalla (25omila euro ciascu­no), a cura del Covar 14, che conta il maggior numero di progetti, set­te in totale, compresi gli adegua­menti a Carignano, Trofarello, Orbassano, Vinovo e Beinasco. Quattro interventi consistenti, poi, per il Consorzio Alessandri­no, con le nuove aree di Felizzano, Alessandria (quartiere Cri­sto), Frugarolo e San Salvatore Monferrato. «Sono le quattro aree- spiegai!presidente dell’en­te, Piercarlo Bocchio – su cui i pro­getti erano già esecutivi. Siamo al lavoro da un anno e mezzo; pun­tiamo a realizzare otto centri nei 32 Comuni consorziati, con una spesa complessiva di 3, 2 milioni. In maggio dovremmo avviare la gara, entro l’anno vorremmo averne già due pronti». Fa. Br.

Tag:

Argomenti correlati

Noi siamo la Pernigotti

Novi Ligure, 30/11/2018   SABATO 1° Dicembre ci sarà la mobilitazione dei lavoratori dello...

Gestione Acqua: ingresso a Ovada, Cassano e Strevi

Link Articolo: http://www.alessandrianews.it/novi-ligure/gestione-acqua-ingresso-ovadacassano-strevi-154543.html Gestirà acquedotto, fognatura e depurazione delle acque. A Ovada prevista l’apertura di...

Parte oggi la Festa dell’Acqua dell’Acos

Link articolo: http://www.giornale7.it/parte-oggi-la-festadellacqua-dellacos/ Torna l’appuntamento della primavera la Festa dell’Acqua, dell’Ambiente e della Solidarietà,...

Un bivio per la Cavallerizza

Si potrebbe salvare sia l’edificio principale che il cosiddetto corpo nuovo ELIO DEFRANI, e.defrani@ilnovese.info...

Quote, altra bufera sull’Acos

Novi Ligure. Le dichiarazioni attribuite all’assessore al Bilancio, Germano Marubbi (non ricandidato), che ipotizzano...

«Stop agli sponsor fantasma»

ELIO DEFRANI – e.defrani@ilnovese.info L’Italia dei Valori vuole mettere la parola «fine» alle sponsorizzazioni...

Bergaglio ‘incoronata’

Novi Ligure. Come da consolidata consuetudine, anche quest’anno la pioggia ha disturbato la Festa...

Aquarium, c’è Reppetti

Novi Ligure. Paolo Reppetti, un pallavolista alla presidenza di Aquarium, la società della quale...

Acos punta sull’idroelettrico

D’Ascenzi: «Stiamo progettando come Gestione Acqua quattro centraline»Gino FortunatoIl Gruppo Acos punta tutto sul...

La lettera

Da qualche tempo “il novese” non brilla certo per la correttezza del proprio comportamento,...

Bollicine, prima fontana

È stata posizionata, nei giorni scorsi, davanti al Museo dei Campionissimi la prima delle...

Acri, e ora che fara’?

Nei giorni scorsi si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Gestione Acqua Camillo...

Rifiuti, pioggia di multe

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. L’immondizia non piace a nessuno, nonostante ciò se ne producono...

Acos, non vendere

Dopo la vittoria dei sì ai referendum della settimana scorsa, la sinistra novese sale...

Comune, tempo di partenze

Il risultato dei referendum di domenica e lunedì “potrebbero portare a un risultato paradossale:...

I pipistrelli? Inutili

Nel consiglio comunale della settimana scorsa, dopo la discussione sul bilancio sono state prese...

La beffa del fotovoltaico

Marzia Persi. A chiusura della discussione del conto consuntivo in consiglio comunale, tenutosi la...

Pd sottopressione

Ore febbrili all’inizio di questa settimana tra i leader del Partito Democratico novese: lunedì...

Sceriffo, quanto lavoro

Novi ligure. Già fenomeno preoccu­pante negli anni precedenti, l’abbandono dei rifiuti sul ci­glio delle...

Novi Ascolta l’Africa

Novi Ligure. La manifestazione Ascolta l’Africa, in programma domani dalle 16 alle 24 in...

Comune incapace di incassare

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. Le casse comunali languono, anche perché la politica economico-fmanziaria generale...

Isole ecologiche fuorilegge

Amministratori locali in confusione sui rifiuti. La più recente normativa., un decreto ministeriale di...

Rifiuti raccolta potenziata

NOVI LIGURE. Verrà potenziata, dalla prossima settimana, la raccolta differenziata dei rifiuti. E infatti,...

L’Acos e il futuro

NOVI LIGURE- Quan­to costa non crescere: alle aziende che forniscono ser­vizi pubblici, ai comuni...

La discarica raddoppia

NOVI LIGURE. Torna alla ri­balta della cronaca la necessità ur­gente di ampliare la discarica...

Rifiuti, Novi è al 40%

La raccolta differenziata a Novi raggiunge il 40,38%. Per alcuni aspetti, il dato fornito...

Disagi col numero verde

NOVI LIGURE. Ha riaperto lo scorso mercoledì il punto informativo allestito da Acos Ambiente...

Rifiuti, ora si cambia

NOVI LIGURE – È partita dal quartiere Lodolino la nuova organizzazione della raccolta rifiuti...

Nasce l’Ato dei rifiuti

ALESSANDRIA Si è insediata, dopo la firma della Convenzione istitutiva, la Conferenza dell’Associazione di...

Raccolta rifiuti

Chi sarà il socio di «Acos Ambiente»? il servizio della raccolta dei rifiuti oggi...

Decreto del Governo

Un grado ed un’ora di riscaldamento In meno negli edifici pubblici e negli alloggi...

Notizie da Federutility

FEDERUTILITY Luce e gas, le aziende non investono di Giovanni Galli Meno investimenti per...
Alto