Novi, una app anti-alluvioni: Così avvisi diffusi in tempo reale

Novi, una app anti-alluvioni: Così avvisi diffusi in tempo reale

Il sindaco: «I messaggi saranno inviati ai cittadini via cellulare».
Aumentano volontari e dotazioni

Marzia Persi

NOVI LIGURE. Una nuova applicazione per smartphone e tablet sarà utilizzata dall’amministrazione comunale novese per inviare, in tempo rea le, messaggi di allertamento alla popolazione. La app sarà scaricabile gratuitamente dai cittadini. ,

«Da tempo – dice il sindaco Rocchino Muliere – avevano l’idea di affidarci alla tecnologia per avvertire i cittadini in caso di calamità, la necessità di questo servizio è emersa con maggiore urgenza durante l’emergenza acqua della primavera scorsa. E così, grazie al lavoro dei tecnici informatici del Comune, siamo riusciti a dar vita a questa applicazione. Naturalmente rimarranno in vigore anche gli altri strumenti tradizionali di avviso come il passaggio dell’auto della polizia municipale per le vie cittadine e il sito internet del Comune.

La nuova app sarà presentata ufficialmente il prossimo 1° dicembre in occasione della Giornata nazionale della protezione civile che si terrà al museo dei campionissimi.

“Questa giornata – spiega il Comandante della polizia municipale – Armando Caruso – è volta soprattutto a sensibilizzare l’opinione pubblica, ed in particolare i giovani, verso le tematiche della protezione civile”. Il mattino del 1° dicembre l’amministrazione e il gruppo comunale dei volontari della protezione civile incontreranno dalle 8alle 12,30 gli studenti e poi dalle 17 alle 18,30 la cittadinanza.

«Si tratta – dice l’assessore alla Protezione civile, Stefano Gabriele – del primo passo per avvicinare soprattutto i giovani: proprio in questi giorni è arrivata la domanda di cinque studenti universitari che vogliono diventare volontari ».

A potenziamento delle attrezzature già in dotazione alla Protezione Civile della città il gruppo Acos spa ha donato una motopompa con centrifuga autoaderente per il pompaggio delle acqua sporche.

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest