Novi Ascolta l'Africa

Novi Ascolta l’Africa

Novi Ligure.

La manifestazione Ascolta l’Africa, in programma domani dalle 16 alle 24 in piazza Indipendenza, si propone come un’appendice della festa delle culture e della festa dell’acqua, dell’ambiente e della solidarietà, che si sono svolte nello scorso fine setti­mana. I temi trattati sono gli stessi perché quest’anno vengono affronta­te le problematiche dell’acqua in Bu­rundi, tema abbondantemente tratta­to anche nel convegno “Acqua e soli­darietà” proposto da Acos, Gestione Acqua, Federutility e Ato 6 nel con­vegno del 28 maggio. Ascolta l’Africa avrà inizio alle 16 in piazza Dellepiane con l’apertura di una mostra fotografica e l’attivazione dei giochi gon­fiabili per i bambini. Dalle 16 alle 19 si potrà visitare la mostra allestita dall’Ambi­to ottimale territoriale 6, presieduto da Paolo Filippi, sul tema “Acqua e solidarie­tà”. Alle 18 arricchirà la ma­nifestazione l’esibizione della Corale novese. In serata, alle 21, altro collegamento con una manife­stazione recentemente proposta a No­vi, con la premiazione di “Teatrandando” della quale sono stai protago­nisti gli studenti con i loro docenti ed alcuni affermati attori. Porterà la te­stimonianza don Alfredo Ferrari, mis­sionario in Burundi. Conclusione di Ascolta l’Africa con il concerto di “Seydou dau e dampa percussion” con ritmi e danze africane. Le stesse che i novesi avevano ascol­tato ed apprezzato in occasione della Festa delle culture che si è svolta sa­bato scorso ed è stata dedicata al ma­trimonio. Una rappresentanza delle comunità straniere ha sfila­to nel tappeto posizionato al confine tra viale Saffi e piazza Indipendenza, in­dossando i tipici abiti da cerimonia nuziale delle lo­ro tradizioni suscitando la curiosità degli italiani. La manifestazione è stata un’occasione per avvicinarsi a sapori di culture differenti dalle nostre grazie alla degustazione di al­cuni piatti tipici cucinati dagli espo­nenti delle etnie russa, polacca, ecuadoregna, araba, albanese, della Costa d’Avorio, tailandese, indiana, ucraina, nigeriana e cinese.’

LA

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest