Novi, in scena nonostante la crisi

Novi, in scena nonostante la crisi

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE.
Anche quest’anno Novi avrà la sua stagione teatrale «nonostante le difficoltà economiche -sottolinea il sindaco Lorenzo Robbiano- grazie alla collaborazione con la Fondazione Live Piemonte dal vivo e di Acos spa, in qualità di sponsor ufficiale, proponiamo alla cittadinanza un cartellone di tutto rispetto». Si inizia, il 15 novembre, al teatro “Giacometti” con “Un marito ideale”, commedia scritta da Oscar Wilde nel 1893, ma di sorprendente attualità visto il tema affrontato:la corruzione politica e la questione morale. Lo spettacolo porta la firma del regista e attore Roberto Valerio. Il cartellone, curato dai direttori artistici Valerio Binasco e Paolo Zanchin, presenta otto appuntamenti, più due repliche dedicate alle scuole. «Con lo spazio aperto alle scuole – dice l’assessore alla cultura Simone Tedeschi – e il fatto che lo spettacolo del 18 gennaio, la “Tempesta” di Shakespeare, portato in scena da Valerio Binasco, che ha tenuto le prove aperte al pubblico novese, vogliamo, come amministrazione, che nella nostra città il teatro sia “vissuto e abitato”». La stagione proseguirà il 4 dicembre con “Di a da per con in su per tra fra Shakespeare – una stona d’amore” della Compagnia Atir. «Si tratta certamente – spiega Binasco – di uno spettacolo di notevole rilevanza artistica. Molto bravi gli attori Serena Sinigaglia, Arianna Scommegna e Mattia Fabris». Il grande teatro di Paolo Poli sarà protagonista il 16 dicembre con “Aquiloni”, due tempi liberamente tratti da Giovanni Pascoli. Il nuovo anno vede il ritorno dell’attore e regista novese Valerio Rinasco con la Popular Shaskjespeare Kompany, nuova compagnia da lui diretta, che porterà in scena, il 18 gennaio, “La tempesta”. «Lo spettacolo – prosegue Binasco – le cui prove nei mesi scorsi si sono tenute qui al “Giacometti”, è stato presentato a Verona al Festival shakespiriano, con un certo successo. Da Novi partirà poi la nostra tournée in tutta Italia». Il 14 febbraio Michele Sinisi sarà il protagonista de “L’arte come commedia” scritta da Edoardo De Filippo. Il 6 marzo andrà in scena “fl mio Coppi”, sul palco Pamela Villoresi. «Questo spettacolo – dice Robbiano – rientra nelle iniziative che si intraprenderanno il prossimo anno in occasione dei 10 anni di vita del museo del ciclismo». L’8 marzo, in occasione della festa della donna, in collaborazione con la Consulta Pari Opportunità si potrà assistere a “Oggi è già domani”, commedia di Willy Russel interpretata da Paola Quattrini. Chiuderà la stagione il 20 marzo “Stasera non escort”, spettacolo comico. A partire dal 7 novembre possono essere prenotati i biglietti. I costi sono invariati: 20 euro per il primo settore e 17 euro per il secondo settore.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest