Partito il porta porta nel centro storico. Ecco come funziona

Partito il porta porta nel centro storico. Ecco come funziona

Sono state definite le modalità della raccolta differenziata nel centro storico di Novi, illustrati durante gli ultimi incontri pubblici. «Il programma è stato ben accettato dalla cittadinanza – dice il presidente di Acos Ambiente, Gianni Coscia – con una raccolta porta a porta che tende a escludere prolungate giacenze di rifiuti sul suolo pubblico. È stato escluso il vetro che sarà conferito nelle apposite campane, distribuite nella cintura attorno al concentrico cittadino. Per i commercianti, in particolare i gestori di bar e ristoranti, le cui modalità di conferimento saranno esposte nei prossimi giorni in analoghe assemblee, il vetro sarà posto in contenitori di cui saranno dotati e che saranno ritirati al martedì entro le 8 e al venerdì tra le 11 e le 12». Il servizio di raccolta porta a porta per i cittadini prevede il ritiro dei rifiuti organici 3 giorni alla settimana (lunedì, mercoledì e venerdì mattina entro le 5). Acos Ambiente raccomanda di inserire l’organico nell’apposito contenitore, sfuso o in sacchetti di carta tipo quelli da pane e non in contenitori di plastica. Il personale dell’Acos sta distribuendo i contenitori (di colore marrone) a tutte le famiglie del centro storico. Per la carta ciascuna famiglia dovrà legarla in pacchi o in scatoloni ponendola davanti alla porta di casa (su suolo pubblico) ogni mercoledì mattina entro le 5. Sempre al mercoledì alla stessa ora ciascuna famiglia potrà esporre i sacchi contenenti plastica, lattine e cartoni per bevande. Fermo restando l’orario, la giornata di raccolta del rifiuto solido urbano (cellophane, ceramica, legno verniciato, cd, dvd, lettiera ed escrementi di animali domestici e altro materiale indicato sui contenitori) sarà il venerdì. Chi non ha spazi per tenere il contenitore nella zona di sua proprietà, sarà dotato di una scorta di sacchetti per tutto l’anno.«Abbiamo raggiunto una positiva percentuale di raccolta differenziata pari al 45% – conclude Coscia – destinata ad aumentare, con l’obiettivo di allungare la vita delle discariche». [G FO ]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest