Pirandello e Strindberg nella stagione di Novi e Paolini per la chiusura

Pirandello e Strindberg nella stagione di Novi e Paolini per la chiusura

Si parte con la Curino poi balletto mozartiano e l’Orchestra Classica Undici spettacoli per la stagione di Novi, fra dicembre a maggio al Giacometti, fresco di restyling. Il teatro sarà pronto in questi giorni, dopo una serie di interventi sia sulla platea che sul palco; potenziati anche il sistema elettrico e i sostegni per fari e scenografie. Valerio Binasco, attore e regista novese, è il direttore artistico della stagione: ieri è stato premiato dal sindaco di Novi, Lorenzo Robbiano, alla presentazione del cartellone, messo a punto con il Circuito Teatrale Piemonte e la sposnosrizzazione dell’Acos. Si comincia il 1° dicembre con «Il signore del cane nero» di e con Laura Curino, regia di Gabriele Vacis. Seconda serata, il 17, con un classico di Shakespeare, «La bisbetica domata» che vedrà sul palco Vanessa Gravina ed Edoardo Siravo. Si prosegue tre giorni dopo con il balletto «Mozart/Acva», uno spettacolo multimediale con le coreografie di Paolo Mohovich. Si rispetta la tradizione di fine anno (la data deve ancora essere definita) con il concerto di gala all’auditorium «Dolci terre», che vedrà protagonista l’Orchestra Classica di Alessandria diretta da Maurizio Billi. La stagione riprenderà il 9 gennaio con Ennio Fantastichini e Isabella Ferrari, diretti da Valerio Binasco (che invece andrà in scena con il monologo «Crociate» il 27 marzo), alle prese con «Il catalogo» delicata e divertente commedia di Jean Claude Carrière. Il 29 si rappresenta «I giganti della montagna», dramma incompiuto di Luigi Pirandello, con la regia di Enzo Vetrano e Stefano Randisi. Si prosegue il 4 febbraio con «La signorina Julie» di Strindberg, con Valeria Solarino e Valter Malosti e il 19 la tragedia ddei palestinesi con Eva Cambiale e Carlo Orlando in «Ritorno a Haifa». In cartellone anche «La commedia dell’amore-Jack & Jill», regia di Beppe Rosso (21 aprile) e sipario sulla rassegna con Marco Paolini ne «La macchina del capo» il 4 maggio.

Info in Biblioteca: 0143-76246.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest