Raccolta differenziata al 44% - Mille tonnellate in meno in discarica

Raccolta differenziata al 44% – Mille tonnellate in meno in discarica

NOVI LIGURE. Nonostante i novesi siano per la maggior parte insod­disfatti della raccolta rifiuti, in parti­colare, di come viene gestito il servizio da Acos Ambiente, l’amministrazione comunale nel 2007 ha registrato un costante aumento della differenziata e una drastica riduzione dei rifiuti smal­titi in discarica. Secondo gli ammini­stratori, nonostante la gestione di Acos Ambiente sia ancora in rodaggio e debba ancora raggiungere il centro storico cittadino, il nuovo servizio sta ottenendo ottimi risultati, anche mi­gliori alle previsioni. I numeri, forniti dal Consorzio Ri­fiuti e dall’Ufficio Ambiente del Co­mune, sono più che positivi: a ottobre la differenziata in città ha superato il 44%. «Significativa – dice il sindaco Lorenzo Robbiano – anche la riduzione complessiva dei rifiuti indifferenziati, una conferma che la raccolta differen­ziata è reale e non viziata da altri feno­meni: nei primi dieci mesi dell’anno, Novi ha conferito in discarica poco più di 8 mila tonnellate di rifiuti contro le 9. 627 riferite allo stesso periodo del 2006; a livello di bacino la diminu­zione è di oltre 4 mila tonnellate, circa il 18% in meno». Altro dato importante riguarda la produzione giornaliera prò capite di rifiuti che, sempre a ottobre, a Novi è scesa a 800 grammi (a gennaio 2007 la media era di 1, 2 kg. per abitante), molto vicina a quei 700 grammi che rappresentano la quota da raggiungere in base alla normativa nazionale. «Se da un lato si stanno raggiungendo gli obiettivi fissati- continua Robbiano – dall’altro bisogna dire che il nuovo si­stema “porta a porta” necessita di in­terventi migliorativi. La prima diffi­coltà riguarda il cambiamento delle abitudini dei cittadini che, però, gra­dualmente si stanno convincendo a considerare il rifiuto come risorsa». Per agevolare la collaborazione di­mostrata da tanti novesi, l’ammini­strazione sta mettendo a punto una serie di accorgimenti relativi al nu­mero e alla collocazione dei cassonetti, alla modifica dei percorsi e alla fre­quenza della raccolta. Prossimamente partirà anche il ser­vizio di lavaggio dei contenitori curato direttamente da Acos Ambiente. «Si sta lavorando anche – puntualizza l’assessore all’ecologia Alberto Mallarino – per offrire ad alcune categorie, come i commercianti e gli artigiani, un servi­zio più mirato alle loro esigenze».Una novità riguarda le isole ecologi-che, un servizio aggiuntivo che, unito al ritiro a domicilio già effettuato da Acos Ambiente, consentirà ai cittadini di conferire agevolmente i propri ri­fiuti ingombranti; in città verrà realiz­zata in zona Cipian e sarà aperta tutti i giorni, domenica inclusa. Infine, i cit­tadini che ne faranno richiesta, in par­ticolare chi abita in zone periferiche e rurali, potranno ricevere le compo­stiere. Con questi strumenti è possi­bile riciclare gli scarichi di cucina e lo sfalcio del verde per realizzare ottimo composto da utilizzare come fertiliz­zante.

M. Pt

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest