Raddoppiati i costi dei rifiuti

Raddoppiati i costi dei rifiuti

NOVI LIGURE – Il bot­ta e risposta tra gli espo­nenti del Partito democra­tico e quelli del Popolo della Libertà, non esclude nemmeno i rifiuti che re­stano uno degli argomenti che sollecitano il maggior dibattito politico. Repli­cando al comunicato dif­fuso dalla segreteria del Pd e intitolato “I numeri sbagliati del Pdl”, il coordinatore di Fi a Novi, Pie­ro Vernetti spiega: «Nei cinque anni in cui l’am­ministrazione uscente ha mal governato questa cit­tà, la tassa rifiuti è au­mentata di quasi il 50%. Vi è stata altresì una for-tissima crescita del costo per la raccolta dell’im­mondizia cittadina, pas­sato da 1. 875. 000 euro (conto consuntivo 2004) a 3. 321. 000 euro (assesta­mento 2008). Confrontan­do i medesimi documenti contabili si rileva inoltre che, per il successivo con­ferimento e smaltimento in discarica dei rifiuti urba­ni, la spesa è passata da circa 950. 000 euro a poco meno di 1. 250. 000. Nel 2008 si è speso quasi 4, 6 milioni di euro: nell’arco del quinquennio ‘robbia-neo — marubbianò, l’au­mento ha raggiunto i due milioni di euro. L’asses­sore al bilancio è così sicuro che questa spesa non possa essere contenuta e non possa essere diminui­ta la tassa che grava sia sulle famiglie che sulle im­prese con aliquote sempre più elevate?». Vernetti ne ha anche per il servizio: «A fronte di cotanta maggiore spesa nessuno può affermare che vi sia stato un mi­glioramento nel servizio, essendo davanti agli occhi di tutti il fatto che strade e piazze di Novi continuino ad essere sporche e co­stellate dai rifiuti abban­donati. E poi e ‘è tutta la partita relativa ai mancati incassi della tassa e all’e-vasione della stessa, voce che incide profondamente sugli equilibri del bilancio comunale. Quanto agli al­tri tagli di spèsa, invece di spalmare facile ironia, I assessore mediti sul fatto che, da anni, si spendono decine di migliaia di euro per pagare ricchi cachet ad artisti per qualche spet­tacolo estivo: è una spesa essenziale?». L. A.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest