Rifiuti: adesso e' sfida alle istituzioni

Rifiuti: adesso e’ sfida alle istituzioni

Novi Ligure. Con una perfetta coincidenza di tempi mentre l’ufficio stampa del Comune di Novi emetteva un comunicato per porre in evidenza i successi ottenuti da Acos ambiente e Polizia municipale per contrastare le violazioni alla normativa sui rifiuti, in strada dell’Imperatore veniva ribaltata un’altra camionata di rifiuti in strada. Tutto questo induce a supporre che i vandali che abbandonano impunemente i rifiuti abbiano lanciato una sfida alle istituzioni. Riepiloghiamo: due settimane è stato rinvenuto in prossimità di un’intersezione con altra strada un ingente quantitativo di rifiuti inerti scaricati in mezzo a strada dell’Imperatore. Vi sono rimasti alcuni giorni, poi sono stati rimossi. La notte successiva a pochi metri sono stati abbandonati sul ciglio della strada, sacchi pieni di calce o materiale affine utilizzato in edilizia. Almeno quelli erano sul ciglio della strada e non creavano pericoli alla viabilità. Giovedì scorso, mentre alle redazioni dei giornali locali arrivava il comunicato stampa sull’esito dei controlli su rifiuti e decoro urbano effettuati da Acos ambiente e Polizia municipale, in strada dell’Imperatore venivano scaricati altri rifiuti (materassi, una damigiana, arredi, sacchi pieni di vecchi abiti) non in mezzo alla strada, ma sul fianco occupando, in questo caso solo parzialmente, la sede stradale è una sfida alle istituzioni e specificatamente ad Acos ambiente e Polizia municipale visto che son loro che effettuano i controlli, o questi vandali che deturpano l’ambiente si sentono impunibili. Dopo la cronaca della situazione, passiamo a ciò che han-no fatto sapere da palazzo municipale al riguardo di controlli su rifiuti e decoro urbano: «Nei primi dieci mesi dell’anno sono oltre cento i verbali per violazioni alla normativa sui rifiuti, per un ammontare di diverse migliaia di euro, emessi dal comando di Polizia municipale e dall’ispettore di Acos ambiente. Quest’ultimo si è occupato, soprattutto, di verificare la correttezza dello smaltimento differenziato nei vari contenitori condominiali. Il controllo della Polizia municipale si è concentrato, in particolare, sull’abbandono dei rifiuti (sacchetti o ingombranti) e sul rispetto della raccolta differenziata da parte degli esercizi commerciali. I soggetti individuati, oltre al pagamento della sanzione, hanno dovuto ripristinare lo stato dei luoghi e risarcire eventuali costi di smaltimento. Inoltre – prosegue il comunicato – la Polizia municipale ha emesso una trentina di verbali per violazioni della normativa comunale su affissioni e volantinaggio. Le affissioni abusive, infatti, deturpano l’arredo urbano, così come il volantinaggio indiscriminato, soprattutto quello attuato ponendo i volantini sotto i tergicristalli delle auto, che rende maggiormente impegnativa la pulizia delle aree pubbliche». L.A.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest