Rifiuti, in arrivo la stangata aumenti fino al 18 per cento

Ma scattano i controlli dei Comuni:”Evadere è troppo facile” BARBARA ARDU ROMA—Stretta sull’evasione e aumento della tassa sui rifiuti. I Comuni stanno mettendo mano alla Tarsu e alcune amministrazioni locali l’hanno già trasformata in Tia, tariffa di igiene ambientale. Un passaggio che in concreto significa coprire integralmente, attraverso quanto pagato dai cittadini, il costo del servizio, come aveva previsto già dal 1997 il decreto Ronchi. Ma gli aumenti non saranno uguale in tutti i comuni anche perché molte amministrazioni hanno già messo mano a sostanziosi aumenti negli anni passati. Si va da incrementi tra l’1,7 per cento e 1′,8 per cento di Torino, all’1,5% di Genova, fino al 5-15% di La Spezia e il 18% di Civitavecchia. Una lievitazione della tassa è però attesa un po’ in tutta Italia. Se da una parte prosegue infatti la trasformazione da tassa in tariffa (un processo che dovrebbe concludersi entro il 2008), dall’altra pesano le norme della scorsa Finanziaria che hanno stabilito un minimo per pagare il tributo correlandolo almeno all’80 per cento della superficie dell’immobile dichiarata al catasto. Oggi la tassa sui rifiuti vale dai 3 ai 3,5 miliardi di euro 1 ‘ anno (circa un terzo dell’Ici, l’imposta comunale sugli immobili) e pesa mediamente sulle famiglie per oltre 191 euro. Solo nell’ultimo anno è aumentata del 6,5%, con vistose differenze tra regione e regione. Se la Valle d’Aosta ha segnato un più 28,1 per cento e la Calabria un più 18,3 per cento, in Liguria l’ aumento si è fermato a 1,9 e in Emilia Romagna non è andata oltre un incremento dello 0,6 per cento. Obiettivo delle amministrazioni locali però è quello di recuperare soprattutto l’evasione. Ad Agrigento, per esempio, sono previsti controlli a tappeto su 5.000 famiglie (i nuclei fa-migliari sono circa 23 mila) sospettate di non pagare l’imposta. E una situazione pressoché identica si riscontrerebbe anche nell’ambito delle attività produttive del comune che ha già trasformato la Tarsu in Tia. «Il problema — spiega il direttore generale dell’Anci-Cnc Lucio D’Ubaldo—è che si tratta di un tributo facilmente soggetto a elusione fiscale. È difficile evadere totalmente ma c’è una tendenza molto diffusa a erodere gli importi giocando sulle superfici». La tassa sui ri¬fiuti tra 1′ altro fa meno paura di altre imposte. «Se uno non paga — spiega D’Ubaldo — a casa non arriva la cartella esattoriale, ma semplicemente un invito a pagare, che certamente fa un effetto diverso». E le amministrazioni locali starebbero studiando proprio in queste settimane un ampliamento del gettito da realizzarsi attraverso maggiori controlli. Tutto questo però potrebbe non bastare per rendere più razionale una tassa gestita sul territorio a macchia di leopardo. Ciò che chiede l’Anci-Cnc a chi governerà nella prossima legislatura è una revisione «della normativa, dell’organizzazione, della gestione e della riscossione del tributo». Ogni famiglia italiana paga oggi mediamente 191,18 euro. Si va dai massimi toccati da Campania (251,13 euro) e Toscana (230,93) ai 95,96 del Molise, tra le pochissime Regioni (insieme alla Toscana) dove il carico della tassa per contribuente risulta diminuito rispetto all’anno precedente.

Tag:

Argomenti correlati

Noi siamo la Pernigotti

Novi Ligure, 30/11/2018   SABATO 1° Dicembre ci sarà la mobilitazione dei lavoratori dello...

Gestione Acqua: ingresso a Ovada, Cassano e Strevi

Link Articolo: http://www.alessandrianews.it/novi-ligure/gestione-acqua-ingresso-ovadacassano-strevi-154543.html Gestirà acquedotto, fognatura e depurazione delle acque. A Ovada prevista l’apertura di...

Parte oggi la Festa dell’Acqua dell’Acos

Link articolo: http://www.giornale7.it/parte-oggi-la-festadellacqua-dellacos/ Torna l’appuntamento della primavera la Festa dell’Acqua, dell’Ambiente e della Solidarietà,...

Un bivio per la Cavallerizza

Si potrebbe salvare sia l’edificio principale che il cosiddetto corpo nuovo ELIO DEFRANI, e.defrani@ilnovese.info...

Quote, altra bufera sull’Acos

Novi Ligure. Le dichiarazioni attribuite all’assessore al Bilancio, Germano Marubbi (non ricandidato), che ipotizzano...

«Stop agli sponsor fantasma»

ELIO DEFRANI – e.defrani@ilnovese.info L’Italia dei Valori vuole mettere la parola «fine» alle sponsorizzazioni...

Bergaglio ‘incoronata’

Novi Ligure. Come da consolidata consuetudine, anche quest’anno la pioggia ha disturbato la Festa...

Aquarium, c’è Reppetti

Novi Ligure. Paolo Reppetti, un pallavolista alla presidenza di Aquarium, la società della quale...

Acos punta sull’idroelettrico

D’Ascenzi: «Stiamo progettando come Gestione Acqua quattro centraline»Gino FortunatoIl Gruppo Acos punta tutto sul...

La lettera

Da qualche tempo “il novese” non brilla certo per la correttezza del proprio comportamento,...

Bollicine, prima fontana

È stata posizionata, nei giorni scorsi, davanti al Museo dei Campionissimi la prima delle...

Acri, e ora che fara’?

Nei giorni scorsi si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Gestione Acqua Camillo...

Rifiuti, pioggia di multe

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. L’immondizia non piace a nessuno, nonostante ciò se ne producono...

Acos, non vendere

Dopo la vittoria dei sì ai referendum della settimana scorsa, la sinistra novese sale...

Comune, tempo di partenze

Il risultato dei referendum di domenica e lunedì “potrebbero portare a un risultato paradossale:...

I pipistrelli? Inutili

Nel consiglio comunale della settimana scorsa, dopo la discussione sul bilancio sono state prese...

La beffa del fotovoltaico

Marzia Persi. A chiusura della discussione del conto consuntivo in consiglio comunale, tenutosi la...

Pd sottopressione

Ore febbrili all’inizio di questa settimana tra i leader del Partito Democratico novese: lunedì...

Sceriffo, quanto lavoro

Novi ligure. Già fenomeno preoccu­pante negli anni precedenti, l’abbandono dei rifiuti sul ci­glio delle...

Novi Ascolta l’Africa

Novi Ligure. La manifestazione Ascolta l’Africa, in programma domani dalle 16 alle 24 in...

Comune incapace di incassare

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. Le casse comunali languono, anche perché la politica economico-fmanziaria generale...

Isole ecologiche fuorilegge

Amministratori locali in confusione sui rifiuti. La più recente normativa., un decreto ministeriale di...

Rifiuti raccolta potenziata

NOVI LIGURE. Verrà potenziata, dalla prossima settimana, la raccolta differenziata dei rifiuti. E infatti,...

L’Acos e il futuro

NOVI LIGURE- Quan­to costa non crescere: alle aziende che forniscono ser­vizi pubblici, ai comuni...

La discarica raddoppia

NOVI LIGURE. Torna alla ri­balta della cronaca la necessità ur­gente di ampliare la discarica...

Rifiuti, Novi è al 40%

La raccolta differenziata a Novi raggiunge il 40,38%. Per alcuni aspetti, il dato fornito...

Disagi col numero verde

NOVI LIGURE. Ha riaperto lo scorso mercoledì il punto informativo allestito da Acos Ambiente...

Rifiuti, ora si cambia

NOVI LIGURE – È partita dal quartiere Lodolino la nuova organizzazione della raccolta rifiuti...

Nasce l’Ato dei rifiuti

ALESSANDRIA Si è insediata, dopo la firma della Convenzione istitutiva, la Conferenza dell’Associazione di...

Raccolta rifiuti

Chi sarà il socio di «Acos Ambiente»? il servizio della raccolta dei rifiuti oggi...

Decreto del Governo

Un grado ed un’ora di riscaldamento In meno negli edifici pubblici e negli alloggi...

Notizie da Federutility

FEDERUTILITY Luce e gas, le aziende non investono di Giovanni Galli Meno investimenti per...
Alto