Rifiuti, in azione anche i vigili 'Multe a chi non differenzia'

Rifiuti, in azione anche i vigili ‘Multe a chi non differenzia’

GINO FORTUNATO

NOVI LIGURE. Anche i civich saranno impiegati a Novi nel controllo della raccolta differenziata dei rifiuti, allo scopo di sanzionare chi non compie la corretta separazione del rifiuto domestico. Questo è l’accordo stipulato tra Csr e Comune e che dovrebbe essere applicato entro maggio. Raddoppieranno infatti le verifiche sulle modalità di conferimento dei rifiuti urbani (a domicilio, nei punti di conferimento assegnati ai condomini secondo la mappatura predefinita), anche con l’impiego della polizia municipale i cui agenti designati affiancheranno l’ispettore di Acos Ambiente, già entrato in azione su questo fronte da poco più di un anno. Continuano a diminuire i rifiuti indifferenziati conferiti alla discarica comunale novese, ma il Consorzio di smaltimento rifiuti si appresta a presentare un utile quasi dimezzato. Si passa infatti da 1 milione e 257 mila euro del 2008 ai 624 mila euro dell’anno successivo. «Il dimezzamento – spiega il presidente Guido Trespioli – è dovuto in larghissima parte ai soldi della Regione che non arrivano. Sembrerà un commento semplicistico, ma questo purtroppo è il nostro dramma. Tuttavia i risultati dovranno comunque arrivare e quindi proseguiremo con la gestione nella maniera più ottimale possibile attuando diverse strategie, pur frenando gli investimenti. Nel corso del 2009 i rifiuti conferiti complessivamente in discarica sono ancora diminuiti (-6,36 %) rispetto al 2008. Per il 2010, invece, ci si attende un’ulteriore riduzione dei conferimenti in discarica proprio in virtù dei controlli che indurranno a una maggiore attenzione da parte dell’utenza. Visto che al momento non è possibile programmare un consistente piano d’investimenti, la situazione ci induce a ottimizzare le raccolte domiciliari, attraverso l’applicazione corretta dei parametri di assimilazione dei rifiuti per le utenze non domestiche. Tutto questo avverrà grazie alla collaborazione con Comuni e aziende. Proprio per questo attiveremo le figure addette al controllo che garantiranno un maggior presidio del territorio. Nel 2010, infatti, attueremo un nuovo piano di controllo dei conferimenti delle utenze domestiche e non domestiche affidandolo a un ispettore interno che sarà affiancato da un vigile». Si ipotizza anche a una collaborazione con i comandi di polizia municipale dei paesi consorziati per attivare i controlli. L’attivazione delle nuove modalità di raccolta dei rifiuti ha dato buoni risultati nel 2009, soprattutto grazie alla maggior parte dei cittadini che ha recepito i sistemi di differenziazione. Una buona percentuale però (circa il 60%) fa fatica a rispettare le disposizioni.

Dieci modalità per smaltire:
I controlli sulla differenziata, annuncia Guido Trespioli, saranno articolati sul conferimento in 10 modalità diverse che comprendono: organico (rifiuto umido), indifferenziato, ingombranti, verde (derivante da potature e taglio dell’erba), carta- cartone – tetrapak, plastica e lattine, vetro, toner, pile, e farmaci scaduti.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest