Rifiuti: piu' si e' in famiglia e piu' si pagheranno i rifiuti

Rifiuti: piu’ si e’ in famiglia e piu’ si pagheranno i rifiuti

Come già avviene per le erogazioni di acqua e gas, l’Acos da quest’anno provvederà anche alla riscossione sui rifiuti urbani. Il prossimo bilancio, che sarà portato in consiglio comunale entro febbraio, prevede infatti un’importante svolta sotto il profilo fiscale, con la trasformazione della tassa sui rifiuti in tariffa.”Con questa svolta – spiega l’assessore alle Finanze Germano Marubbi – i contribuenti pagheranno non più in base ai metri quadrati dell’abitazione, ma anche in rapporto al numero dei componenti del proprio nucleo familiare ed in riferimento ad altri parametri, in grado di misurare la quantità di rifiuti prodotti. In questi giorni stiamo facendo tutte le verifiche tecniche, per trovare gli accorgimenti necessari per evitare che le famiglie numerose o meno abbienti possano essere penalizzate. Opereremo quindi degli aggiustamenti, tenendo conto di quanto già applicato in molti comuni italiani. Questa modifica fiscale è resa obbligatoria dalla legge, anche se da diversi anni a questa parte è sempre stata rinviata l’entrata in vigore. E’ necessaria perché il patto di stabilità ha previsto limiti di spesa particolarmente ristretti. Noi, in questo modo, trasferiremo la gestione della tariffa all’Acos che gestirà anche la raccolta rifiuti. In tal modo toglieremo dal bilancio comunale un’entrata, riducendo così la spesa eccessiva”. L’Acos effettuerà la raccolta dei rifiuti a Novi e nel Novese ed è quindi naturale che gestisca anche la riscossione della tariffa, nell’ipotesi di un miglioramento della raccolta differenziata che si prevede possa arrivare al 60% entro pochi anni. Tratto da “Il Nostro Giornale”

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest