Secondo Acos Ambiente Novi e' nei parametri voluti dalla Regione

Secondo Acos Ambiente Novi e’ nei parametri voluti dalla Regione

Marzia Persi.

I novesi sono disciplinati e sanno far bene la raccolta differenziata dei rifiuti. A decretarlo sono i traguardi raggiunti dagli utenti nel corso del 2009. Nel bacino del novese,servito da Acos Am­biente, società in seno ad Acos spa che gestisce la raccolta, la percentuale di differenziata è stata del 46,58%, Novi ha toccato il 47,83%. «Siamo pienamente nei parametri- dice Fabrizio Daolio, direttore di Acos Ambiente- voluti dalla Regione». Ora però «l’importante è mantenere questo livello nel tempo» sottolinea Daolio. Per questo sarà atti­vata insieme al Csr (Consorzio servizio rifiuti) una campagna di sensibilizzazio-ne fra i cittadini. «È importantissimo che la differenziata venga fatta sempre in modo corretto – continua il direttore di Acos Ambiente- altrimenti si vanifica tutto il lavoro eseguito fino ad oggi». Per meglio capire come sta andando la differenziata in città e nei paesi limitrofi basti dire che il rifiuto indifferenziato conferito nel 2009 è stato di 0,760 Kg/ abitante al giorno. «Si era partiti nel 2006 – prosegue Daolio- da 1,3 -Kg/ abitante al giorno per arrivare all’at­tuale 0,760. Solo a Novi nel 2006 si conferiva 1,138 Kg/abitante al giorno di indifferenziato mentre nel 2009 si è raggiunta quota 0,738 kg/abitante al giorno. Una volta che si arriverà a regime con il servizio si potrà toccare una percentuale ancora maggiore». I Comuni del bacino che meglio si sono comportanti nel 2009 sono stati Francavilla Bisio (64,68%), Fresonara (57,86%), Pasturana (64,67%), Pozzolo Formigaro (53,76%). Inoltre dalla pros­sima settimana partirà la pulitura dei contenitori che avverrà per l’organico una volta al mese in aprile, maggio, ot­tobre e novembre e due volte al mese in giugno, luglio, agosto e settembre mentre il cassonetto dell’indifferenziato sarà lavato una volta a maggio e una volta ad ottobre. « Ci sono ancora delle situazio­ni da migliorare- prosegue Daolio- ne siamo consapevoli, purtroppo c’è an­cora qualcuno che, invece di conferire l’immondizia negli appositi contenitori, preferisce lasciare i sacchetti di plastica disseminati per le vie oppure dentro i cestini dei rifiuti ma i controlli effettuati dall’autunno scorso ad oggi da parte di quello che è stato definito “lo sceriffo dei rifiuti” stanno dando i loro frutti». Ed anzi, è intenzione di Acos Ambiente di potenziare la presenza dell’ispettore dei rifiuti che prossimamente inizierà a supervisionare anche i contenitori condominiali per verificare che gli utenti si comportano in maniera corretta. A chi infrangerà le regole le multe sono alquanto salate. Un’ordinanza dirigen­ziale , infatti, prevede che chi conferisce i rifiuti al di fuori del contenitore spe­cifico è multato con un’ammenda che va dai 25 ai 200 euro, sale a 300 euro il conferimento di rifiuti diversi da quelli i cui contenitori o sistemi di raccolta sono destinati. Multa anche per coloro i quali non si attengono all’orario e ai giorni di ritiro dei cassonetti (da 25 a 300 euro). Se qualcuno, poi, avesse in mente di affiggere dei manifesti sui cassonetti sarà multato (da 25 a 200 euro). Nelle sanzioni sono inclusi i comportamenti di intralcio o ritardo all’opera degli addetti al servizio (da 25 a 250 euro).

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest