Servizi idrici integrati, il 50% delle gestioni e’ ok

Di Andrea Mascolini La metà delle gestioni in house dei servizi idrici integrati è in regola. Sono invece 14 le gestioni che hanno potuto regolariz­zarsi a breve, mentre 12 gestioni occorre che si conformino alle prescrizioni dell’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici entro 60 giorni per avere il via libera; infine in tre casi si è in presenza di illegittimità rispetto ai principi della giurisprudenza comunitaria e alle disposizioni di legge sugli affidamenti in house. È quanto risul­ta dopo la conclusione dell’indagine sugli affida­menti in house dei servizi idrici integrati avviata dall’Autorità per la vigilanza sui contratti pub­blici presieduta da Luigi Giampaolino e formaliz­zata nella delibera n. 24 del primo aprile 2009 di cui è stato relatore Andrea Camanzi. L’indagine sulle gestioni in house (che si realizzano attra­verso società interamente pubbliche affidatane dirette della gestione del servizio idrico integrato da parte delle Ato, le Autorità di ambito ottimale) era partita quasi un anno fa (delibera 16 del 7 maggio 2008) ed ha visto in questi ultimi mesi mi­gliorare una situazione che nello scorso novembre vedeva soltanto sei gestioni in regola con le norme e la giurisprudenza. Particolarmente soddisfatto del lavoro condotto è il presidente dell’Autorità : «abbiamo esaminato il settore dei servizi idrici integrati con approccio pragmatico, andando a vedere gli affidamenti uno per uno. Si è trattato di un lavoro lungo e faticoso, svolto in assoluta trasparenza, ascoltando tutti i gesto­ri che lo hanno richiesto e prendendo atto delle più recenti sentenze della Corte di giustizia Ue». Il presidente dell’Autorità, Luigi Giampaolino, ha poi aggiunto che i risultati conseguiti «sono molto soddisfacenti sia per il lavoro altamente qualificato dell’Autorità, sia per i comportamenti collaborativi e la volontà di adeguamento delle società di gestione idrica alle nostre indicazioni». L’Autorità ha quindi verificato caso per caso i parametri elaborati dalla giurisprudenza comu­nitaria per ritenere legittimo un affidamento in house (che, precisa l’Autorità citando le sentenze europee, rimane sempre una modalità derogatoria ed eccezionale rispetto all’affidamento con gara): il cosiddetto controllo analogo, esercitato dall’ente pubblico sulla società alla stessa stregua di quello esercitato sui propri uffici e il fatto che il gestore svolga l’attività prevalente verso l’ente pubblico di appartenenza. Alla fine del complesso lavoro, che ha visto l’organismo di vigilanza formulare diverse osservazioni a seguito della ricezione delle schede informative, su 61 casi esaminati i soggetti in regola con la disciplina delle gestioni in house sono risultati 32 (rispetto alle sei di novembre). Per altri 14 i gestori il via libera dell’Autorità è arrivato dopo che i soggetti gestori hanno fornito assicurazioni e impegni finalizzati all’adegua­mento alle indicazioni formulate dall’organismo di vigilanza (e l’attuazione di tali impegni dovrà essere provata entro 60 giorni). Per 12 gestioni, in­vece, la legittimità della gestione potrà conseguire soltanto all’avvenuta adozione di specifici rimedi indicati dall’Autorità. Rimangono invece soltanto tre i casi di gestioni non conformi alla disciplina dell’in house providing. Questi gestori avranno il termine di 30 giorni per comunicare modalità e tempi delle procedure che intendono adottare per mettersi in regola con il Codice dei contratti. Non è significativo che tutti i comuni dell’Ato siano soci della gestione in house, ma ciò a condizione che i comuni non soci «rappresentino una percentuale esigua» e che il gestore svolga per i comuni non soci una attività «quantitativamente irrisoria e qualitativamente irrilevante, e comunque non con carattere commerciale».

Tag:

Argomenti correlati

Noi siamo la Pernigotti

Novi Ligure, 30/11/2018   SABATO 1° Dicembre ci sarà la mobilitazione dei lavoratori dello...

Gestione Acqua: ingresso a Ovada, Cassano e Strevi

Link Articolo: http://www.alessandrianews.it/novi-ligure/gestione-acqua-ingresso-ovadacassano-strevi-154543.html Gestirà acquedotto, fognatura e depurazione delle acque. A Ovada prevista l’apertura di...

Parte oggi la Festa dell’Acqua dell’Acos

Link articolo: http://www.giornale7.it/parte-oggi-la-festadellacqua-dellacos/ Torna l’appuntamento della primavera la Festa dell’Acqua, dell’Ambiente e della Solidarietà,...

Un bivio per la Cavallerizza

Si potrebbe salvare sia l’edificio principale che il cosiddetto corpo nuovo ELIO DEFRANI, e.defrani@ilnovese.info...

Quote, altra bufera sull’Acos

Novi Ligure. Le dichiarazioni attribuite all’assessore al Bilancio, Germano Marubbi (non ricandidato), che ipotizzano...

«Stop agli sponsor fantasma»

ELIO DEFRANI – e.defrani@ilnovese.info L’Italia dei Valori vuole mettere la parola «fine» alle sponsorizzazioni...

Bergaglio ‘incoronata’

Novi Ligure. Come da consolidata consuetudine, anche quest’anno la pioggia ha disturbato la Festa...

Aquarium, c’è Reppetti

Novi Ligure. Paolo Reppetti, un pallavolista alla presidenza di Aquarium, la società della quale...

Acos punta sull’idroelettrico

D’Ascenzi: «Stiamo progettando come Gestione Acqua quattro centraline»Gino FortunatoIl Gruppo Acos punta tutto sul...

La lettera

Da qualche tempo “il novese” non brilla certo per la correttezza del proprio comportamento,...

Bollicine, prima fontana

È stata posizionata, nei giorni scorsi, davanti al Museo dei Campionissimi la prima delle...

Acri, e ora che fara’?

Nei giorni scorsi si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Gestione Acqua Camillo...

Rifiuti, pioggia di multe

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. L’immondizia non piace a nessuno, nonostante ciò se ne producono...

Acos, non vendere

Dopo la vittoria dei sì ai referendum della settimana scorsa, la sinistra novese sale...

Comune, tempo di partenze

Il risultato dei referendum di domenica e lunedì “potrebbero portare a un risultato paradossale:...

I pipistrelli? Inutili

Nel consiglio comunale della settimana scorsa, dopo la discussione sul bilancio sono state prese...

La beffa del fotovoltaico

Marzia Persi. A chiusura della discussione del conto consuntivo in consiglio comunale, tenutosi la...

Pd sottopressione

Ore febbrili all’inizio di questa settimana tra i leader del Partito Democratico novese: lunedì...

Sceriffo, quanto lavoro

Novi ligure. Già fenomeno preoccu­pante negli anni precedenti, l’abbandono dei rifiuti sul ci­glio delle...

Novi Ascolta l’Africa

Novi Ligure. La manifestazione Ascolta l’Africa, in programma domani dalle 16 alle 24 in...

Comune incapace di incassare

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. Le casse comunali languono, anche perché la politica economico-fmanziaria generale...

Isole ecologiche fuorilegge

Amministratori locali in confusione sui rifiuti. La più recente normativa., un decreto ministeriale di...

Rifiuti raccolta potenziata

NOVI LIGURE. Verrà potenziata, dalla prossima settimana, la raccolta differenziata dei rifiuti. E infatti,...

L’Acos e il futuro

NOVI LIGURE- Quan­to costa non crescere: alle aziende che forniscono ser­vizi pubblici, ai comuni...

La discarica raddoppia

NOVI LIGURE. Torna alla ri­balta della cronaca la necessità ur­gente di ampliare la discarica...

Rifiuti, Novi è al 40%

La raccolta differenziata a Novi raggiunge il 40,38%. Per alcuni aspetti, il dato fornito...

Disagi col numero verde

NOVI LIGURE. Ha riaperto lo scorso mercoledì il punto informativo allestito da Acos Ambiente...

Rifiuti, ora si cambia

NOVI LIGURE – È partita dal quartiere Lodolino la nuova organizzazione della raccolta rifiuti...

Nasce l’Ato dei rifiuti

ALESSANDRIA Si è insediata, dopo la firma della Convenzione istitutiva, la Conferenza dell’Associazione di...

Raccolta rifiuti

Chi sarà il socio di «Acos Ambiente»? il servizio della raccolta dei rifiuti oggi...

Decreto del Governo

Un grado ed un’ora di riscaldamento In meno negli edifici pubblici e negli alloggi...

Notizie da Federutility

FEDERUTILITY Luce e gas, le aziende non investono di Giovanni Galli Meno investimenti per...
Alto