Solo l'ultimo una lunga serie

Solo l’ultimo una lunga serie

NOVI LIGURE – L’incidente avvenuto lo scorso 21 maggio è so­lo l’ultimo di una lunghissima serie di incidenti che sono avve­nuti sul tratto di autostrada che collega Serravalle e Genova. In­cidenti il più delle volte mortali e che spesso hanno messo a ri­schio l’ambiente. Una storia senza fine che negli ultimi cinque anni, grazie alì aumento del numero di tir si è accentuata peri­colosamente. Secondo le stime della Polstrada, infatti circolano ogni giorno, sul tratto Serravalle-Genova, ben seicento tir con carichi pericolosi e inquinanti. Per trovare il primo grave episo­dio bisogna risalire al 1978, quando a causa di un incidente si riversarono nello Scrivia grosse quantità di fenolo. Il 25 giugno 2002 si rovescia una autocisterna riversando nuovamente del fenolo nelle acque del fiume: due i morti e acquedotto chiuso per una settimana. Il 16 settembre 2004, fu un carico di sapo­ne e detersivo a finire nelle acque dello Scrivia. Il 22 marzo 2005 nel corso d’acqua finisce addirittura della crema di cacao, men­tre l’11 aprile tra Isola del Cantone e Ronco Scrivia si rovescia un carico di gasolio. Il 2 maggio 2006 nei pressi di Ronco Scrivia si rovescia un tir nel­l’incidente perde la vita il conducente. Il 26 marzo 2007, tra Ge­nova e Bolzaneto si ribalta nuovamente una autocisterna piena di gasolio. Il 23 luglio un altro Tir vola giù dal viadotto tra Vignole e Isola del Cantone provocando la morte del camionista. Il 30 ottobre scorso, nello stesso identico punto dove è avvenu­to l’incidente di pochi giorni fa, un Tir che trasportava carne bo­vina sfonda i guardrail rimanendo in bilico sul ponte fino all’in­tervento dei soccorsi. (A. D. )

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest