Sono davvero indifferenti i novesi sulle «cartacce» gettate per terra?

“I cittadini devono recupe­rare il senso civico. L’Am­ministrazione comunale ha lavorato tantissimo per rendere la città più pulita e decorosa. Purtroppo ulti­mamente si sono verificati episodi spiacevoli, le aiuole trasformate in discariche o volantini attaccati un pò dappertutto. Ecco, in tal senso sarà attuata a breve una tolleranza zero per tutti 1 gesti di inciviltà”. Questo è quanto dichiarato qual­che giorno fa dall’assessore all’ambiente del comune di Alessandria, Ugo Robutti, il quale sperando in un mag­gior senso civico da parte dei cittadini ha poi aggiunto che “se tutti contribuiranno ad un mantenimento deco­roso della città potremmo risparmiare e investire in altre iniziative”. D’ora in poi ad Alessandria tolleranza zero per chi sporca vie e aree verdi della città, ma a Novi gli abitanti cosa ne pensano? Auspicano un provvedimento del genere? “Era ora” esclama il signor Rino, gestore di un bar del centro, poi aggiunge: “Le strade sono abbastanza pu­lite, è la raccolta rifiuti che lascia a desiderare, basta dare un’occhiata ai bidoni”. “In centro non ci sono grossi problemi, ci sono gli spazzini del “Cuore di Novi”, – dice Alessandra titolare di un esercizio della centralissima via Girardengo, – la periferia e i parcheggi, per esempio quello degli autobus, fanno paura, tra zingari e gente che bivacca, si trovano bot­tiglie e cartoni ovunque”. A sentire queste testimo­nianze, cartacce e piccoli rifiuti sparsi per le vie non sembrerebbero essere un problema che riguarda il cen­tro storico, bensì la periferia. Di parere contrario è invece Patrizia, che mentre spazza il tratto di via Girardengo di fronte al proprio negozio esclama: “Ci sarebbe assolu­tamente bisogno di un simile provvedimento. In generale sembra che gli spazzini non passino più, sembriamo un po’ abbandonati”. “È solo una questione di testa- sostiene il signor Gaetano mentre passeggia in via Roma- se sulle targhe ci fosse scritto CH invece di AL probabilmente la gente si guarderebbe bene dal gettare le cartacce per terra, comunque non trovo che Novi sia una città sporca”. Poi conclude: “Una cartac­cia se sta in tasca è meglio, ma anche per terra non fa danno, sono altri i rifiuti per cui si dovrebbero prendere provvedimenti dall’alto. “Molti novesi sembrereb­bero non accorgersi che le strade e le aree verdi sono infestate da cartacce e rifiuti di vario tipo, dalla bottiglia al pacchetto di sigarette, oppure stando ad alcune, testimonianze se esiste un problema di questo tipo la colpa è del servizio di raccol­ta rifiuti che non fa il proprio dovere. In conclusione non ritiene necessario “multare le cartacce”. Come spesso evidenziato dalle pagine di questo settimanale il servi­zio di raccolta rifiuti mostra delle carenze evidenti, ma questa volta non lo si può additare come unico colpe­vole. Strade, aiuole e giardini trasformati in discariche a ciclo aperto non sono certamente un bello spettacolo, vanno ripulite, ma il problema sta a monte. Magari dove non arrivano educazione e buonsenso potrebbe riuscirci un’ordinanaza. Per Daniela e Laura “forse la multa potrebbe essere l’unico modo per far sì che la gente prima di buttare qualcosa per terra ci pensi un attimo. I cestini ci sono ma buttano tutto per terra comunque”. Più scettica la signora Stefania: “È inutile, potrebbero farlo ma… è la qualità della gente che manca, non c’è educazione e senso civico”. Sull’inefficacia di un tale provvedimento concorda anche il signor Massimo, il quale ci fa notare come al momento “esistano già delle sanzioni per quei padroni che non provvedono a pulire gli escrementi dei propri cani, ma non vengo­no applicate”, come a dire che si minacciano sanzioni che nella realtà dei fatti non vengono applicate. Insomma, in città, sembrerebbe esserci, oltre a uno scarso senso civico, una sorta di ras­segnazione collettiva, figlia di abitudini antiche, (m. b. )

Tag:

Argomenti correlati

Noi siamo la Pernigotti

Novi Ligure, 30/11/2018   SABATO 1° Dicembre ci sarà la mobilitazione dei lavoratori dello...

Gestione Acqua: ingresso a Ovada, Cassano e Strevi

Link Articolo: http://www.alessandrianews.it/novi-ligure/gestione-acqua-ingresso-ovadacassano-strevi-154543.html Gestirà acquedotto, fognatura e depurazione delle acque. A Ovada prevista l’apertura di...

Parte oggi la Festa dell’Acqua dell’Acos

Link articolo: http://www.giornale7.it/parte-oggi-la-festadellacqua-dellacos/ Torna l’appuntamento della primavera la Festa dell’Acqua, dell’Ambiente e della Solidarietà,...

Un bivio per la Cavallerizza

Si potrebbe salvare sia l’edificio principale che il cosiddetto corpo nuovo ELIO DEFRANI, e.defrani@ilnovese.info...

Quote, altra bufera sull’Acos

Novi Ligure. Le dichiarazioni attribuite all’assessore al Bilancio, Germano Marubbi (non ricandidato), che ipotizzano...

«Stop agli sponsor fantasma»

ELIO DEFRANI – e.defrani@ilnovese.info L’Italia dei Valori vuole mettere la parola «fine» alle sponsorizzazioni...

Bergaglio ‘incoronata’

Novi Ligure. Come da consolidata consuetudine, anche quest’anno la pioggia ha disturbato la Festa...

Aquarium, c’è Reppetti

Novi Ligure. Paolo Reppetti, un pallavolista alla presidenza di Aquarium, la società della quale...

Acos punta sull’idroelettrico

D’Ascenzi: «Stiamo progettando come Gestione Acqua quattro centraline»Gino FortunatoIl Gruppo Acos punta tutto sul...

La lettera

Da qualche tempo “il novese” non brilla certo per la correttezza del proprio comportamento,...

Bollicine, prima fontana

È stata posizionata, nei giorni scorsi, davanti al Museo dei Campionissimi la prima delle...

Acri, e ora che fara’?

Nei giorni scorsi si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Gestione Acqua Camillo...

Rifiuti, pioggia di multe

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. L’immondizia non piace a nessuno, nonostante ciò se ne producono...

Acos, non vendere

Dopo la vittoria dei sì ai referendum della settimana scorsa, la sinistra novese sale...

Comune, tempo di partenze

Il risultato dei referendum di domenica e lunedì “potrebbero portare a un risultato paradossale:...

I pipistrelli? Inutili

Nel consiglio comunale della settimana scorsa, dopo la discussione sul bilancio sono state prese...

La beffa del fotovoltaico

Marzia Persi. A chiusura della discussione del conto consuntivo in consiglio comunale, tenutosi la...

Pd sottopressione

Ore febbrili all’inizio di questa settimana tra i leader del Partito Democratico novese: lunedì...

Sceriffo, quanto lavoro

Novi ligure. Già fenomeno preoccu­pante negli anni precedenti, l’abbandono dei rifiuti sul ci­glio delle...

Novi Ascolta l’Africa

Novi Ligure. La manifestazione Ascolta l’Africa, in programma domani dalle 16 alle 24 in...

Comune incapace di incassare

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. Le casse comunali languono, anche perché la politica economico-fmanziaria generale...

Isole ecologiche fuorilegge

Amministratori locali in confusione sui rifiuti. La più recente normativa., un decreto ministeriale di...

Rifiuti raccolta potenziata

NOVI LIGURE. Verrà potenziata, dalla prossima settimana, la raccolta differenziata dei rifiuti. E infatti,...

L’Acos e il futuro

NOVI LIGURE- Quan­to costa non crescere: alle aziende che forniscono ser­vizi pubblici, ai comuni...

La discarica raddoppia

NOVI LIGURE. Torna alla ri­balta della cronaca la necessità ur­gente di ampliare la discarica...

Rifiuti, Novi è al 40%

La raccolta differenziata a Novi raggiunge il 40,38%. Per alcuni aspetti, il dato fornito...

Disagi col numero verde

NOVI LIGURE. Ha riaperto lo scorso mercoledì il punto informativo allestito da Acos Ambiente...

Rifiuti, ora si cambia

NOVI LIGURE – È partita dal quartiere Lodolino la nuova organizzazione della raccolta rifiuti...

Nasce l’Ato dei rifiuti

ALESSANDRIA Si è insediata, dopo la firma della Convenzione istitutiva, la Conferenza dell’Associazione di...

Raccolta rifiuti

Chi sarà il socio di «Acos Ambiente»? il servizio della raccolta dei rifiuti oggi...

Decreto del Governo

Un grado ed un’ora di riscaldamento In meno negli edifici pubblici e negli alloggi...

Notizie da Federutility

FEDERUTILITY Luce e gas, le aziende non investono di Giovanni Galli Meno investimenti per...
Alto