Spazzatura in strada, prime multe

Spazzatura in strada, prime multe

NOVI LIGURE.

“Pizzicati con le mani nel sacco”, e, questa volta, non in senso metaforico. Sono una decina, in­fatti, i novesi che sono stati multati dalla Polizia municipale per aver ab­bandonato sulla pubblica via i sac­chetti dell’immondizia. Gli agenti sia in divisa sia in bor­ghese, da alcuni giorni, stanno control­lando a tappeto la città per verificare che la raccolta differenziata dei rifiuti avvenga in modo corretto. Purtroppo è frequente vedere disseminata qua e là per le strade immondizia abbando­nata, così il Consorzio Servizio Rifiuti e Acos Ambiente, congiuntamente all’amministrazione comunale, hanno deciso di porre fine ad un malcostume frequente fra i cittadini andando a multare chi non si comporta corretta­mente. Il presidente del Consorzio Smalti­mento Rifiuti, Oreste Soro, nel corso di un intervista al Secolo XIX alcune setti­mane fa aveva preannunciato che sa­rebbero stati intensificati i controlli con personale specializzato in bor­ghese: «Certe situazioni critiche le ve­diamo anche noi- afferma Soro- non possiamo negare l’evidenza. Ciò che preoccupa è che il fatto eccezionale ri­schia di consolidarsi, l’agire non cor­retto di pochi cittadini che in modo ostinato non si impegnano nella rac­colta differenziata, vanifica l’operato della maggior parte dei novesi. Anzi a tale proposito voglio rimarcare che Novi ha nel complesso risposto bene alla differenziata. Dobbiamo agire nell’organizzazione della raccolta per eliminare i rifiuti non conferiti corret­tamente ma dobbiamo anche rivolgere la nostra attenzione ad un altro aspetto: non si deve correre per avere una percentuale alta di differenziata, l’importante, ora, è potenziare la qua­lità del rifiuto conferito. Noi dobbiamo analizzare questo dato, e da questo partire con una campagna di sensibilizzazione mirata». Per far fronte alla scarsa educazione civica di alcuni no­vesi è stata costituita una task force ad hoc. Dal cuore del centro storico è par­tito il controllo e, proprio qui, in parti­colare in piazza Sant’ Andrea e piazza Matteotti sono stati individuati alcuni novesi che avevano l’abitudine, fino alla settimana scorsa, di abbandonare dove capitava i sacchetti della rumenta. In piazza Matteotti il punto privilegiato per lasciare i rifiuti era quello dove, un tempo, era stato instal­lato il canguro (marchingegno sotter­raneo a scomparti che doveva racco­gliere i rifiuti) mentre in piazza Sant’ Andrea l’immondizia veniva de­positata sotto la scalinata della chiesa di Sant’Andrea dove, fino all’inverno scorso, erano posizionati i cassonetti. «Abbiamo effettuato degli apposta­menti – dicono i vigili urbani – in bor­ghese alle prime ore del mattino e, pro­prio intorno alle 5 abbiamo fermato e sanzionato alcuni cittadini che, invece, di buttare i sacchetti negli appositi cassonetti prima di andare al lavoro li la­sciavano per strada». I controlli prose­guiranno anche nelle prossime setti­mane. Gli agenti di Polizia municipale, a seconda dei giorni in cui è stabilito il ritiro dell’immondizia nelle diverse zone della città, si posizionano e verificano che i residenti conferiscano i ri­fiuti in base al programma di raccolta organizzato da Acos Ambiente. Nelle prossime settimane verrà anche distribuita a tutti i capi famiglia una nuova brochure nella quale viene spiegato in maniera dettagliata come deve avvenire la raccolta differenziata. «In questo modo l’utente avrà ben chiaro – prosegue Soro – come deve essere effettuata la differenziata, quali i prodotti possono essere riciclati.»

MARZIA PERSI

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest