Termovalorizzatori Pronti gli incentivi

Di Francesco Cerisano

Carcere per chi abbandona rifiuti pericolosi o ingombranti nelle zone in stato di emergenza. Scioglimento degli enti locali inadempienti nello smaltimento dei rifiuti. Incentivi per la costruzione di inceneritori e campagne informative nelle scuole sull’educazione ambientale. Sono alcune delle novità introdotte dalla legge di conversione del decreto sull’emergenza in Campania (di 172/2008) che ha ricevuto ieri il primo via libera dalla Camera, fl testo, anticipato da ItaliaOggi il 31/10/2008, è stato approvato con 201 voti favorevoli, 27 contrari e 144 astenuti. Non senza un piccolo giallo legato al voto della Lega. Inizialmente, sembrava infatti che i deputati del Carroccio avessero votato contro il decreto, ma poi il presidente dei deputati leghisti, Roberto Cota, ha seccamente smentito la notizia. Inceneritori. Entro un anno dall’entrata in vigore della legge di conversione del dl 172, palazzo Chigi dovrà approvare il piano nazionale degli inceneritori per smaltire i rifiuti residui della raccolta differenziata, n piano dovrà indicare i finanziamenti pubblici, comunitari e privati disponibili e individuare i contributi compensativi a favore degli enti locali. Sanzioni penali. Il provvedimento apre le porte del carcere (fino a tre anni e sei mesi) per chi scarica rifiuti pericolosi o ingombranti al di fuori delle aree attrezzate. I titolari di imprese che scaricano in siti non autorizzati potranno essere condannati al carcere da tre mesi a quattro anni se si tratta di rifiuti non pericolosi e da sei mesi a cinque anni se si tratta di rifiuti pericolosi. Se le condotte non sono compiute con dolo, ma con colpa il responsabile sarà punito con l’arresto da uno a otto mesi se i rifiuti non sono pericolosi, in caso contrario l’arresto sarà da sei mesi a un anno. Ma il dl 172 non si ferma qui e prende in considerazione tutte le altre attività potenzialmente delittuose in materia. Per esempio, chi organizzerà senza autorizzazione attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento e commercio di rifiuti andrà incontro alla reclusione da sei mesi a quattro anni (nonché alla multa da 10 mila a 30 mila euro) se si tratta di rifiuti non pericolosi e alla reclusione da uno a sei anni (con multa da 15 mila a 50 mila euro) in caso contrario. E ancora, chi gestirà discariche non autorizzate verrà punito con il carcere da un anno e sei mesi a cinque anni (e con la multa da 2Q mila a 60 mila euro) se i rifiuti non sono pericolosi. Se lo sono le pene andranno da due a sette anni (con multa da 50 mila a 100 mila euro), Il di prevede infine la riduzione delle pene della metà in caso di irregolarità formali. Tutte le fattispecie penali previste dal di, se realizzate con l’uso di un veicolo, daranno luogo al sequestro del mezzo che verrà poi confiscato in caso di condanna definitiva. Il relatore del di 172, Agostino Ghiglia (Pdl) ha espresso «viva soddisfazione» per l’approvazione del provvedimento alla Camera. «Siamo convinti che le norme contribuiranno in maniera definitiva a risolvere l’emergenza rifiuti in Campania», ha dichiarato. «L’incentivazione alla realizzazione di nuovi termovalorizzatori», ha proseguito, «attraverso i fondi Cip6 e i certificati verdi, rappresenta la fine di una politica che attraverso un’irrazionale e ideologica cultura contraria agli impianti di valorizzazione del rifiuto ha causato nel corso degli anni emergenze come quella campana». Critico, invece, Ermete Realacci, ministro ombra del Pd. «È ripartita la vergognosa lotteria dei Cip6», ha sottolineato, «un impegno di 2 miliardi di euro, in gran parte destinati alla Sicilia, in barba a ogni politica per una corretta gestione dei rifiuti e per incrementare la raccolta differenziata», Il provvedimento ora passa al senato che dovrà convertirlo in legge entro il 6 gennaio 2009.

Tag:

Argomenti correlati

Noi siamo la Pernigotti

Novi Ligure, 30/11/2018   SABATO 1° Dicembre ci sarà la mobilitazione dei lavoratori dello...

Gestione Acqua: ingresso a Ovada, Cassano e Strevi

Link Articolo: http://www.alessandrianews.it/novi-ligure/gestione-acqua-ingresso-ovadacassano-strevi-154543.html Gestirà acquedotto, fognatura e depurazione delle acque. A Ovada prevista l’apertura di...

Parte oggi la Festa dell’Acqua dell’Acos

Link articolo: http://www.giornale7.it/parte-oggi-la-festadellacqua-dellacos/ Torna l’appuntamento della primavera la Festa dell’Acqua, dell’Ambiente e della Solidarietà,...

Un bivio per la Cavallerizza

Si potrebbe salvare sia l’edificio principale che il cosiddetto corpo nuovo ELIO DEFRANI, e.defrani@ilnovese.info...

Quote, altra bufera sull’Acos

Novi Ligure. Le dichiarazioni attribuite all’assessore al Bilancio, Germano Marubbi (non ricandidato), che ipotizzano...

«Stop agli sponsor fantasma»

ELIO DEFRANI – e.defrani@ilnovese.info L’Italia dei Valori vuole mettere la parola «fine» alle sponsorizzazioni...

Bergaglio ‘incoronata’

Novi Ligure. Come da consolidata consuetudine, anche quest’anno la pioggia ha disturbato la Festa...

Aquarium, c’è Reppetti

Novi Ligure. Paolo Reppetti, un pallavolista alla presidenza di Aquarium, la società della quale...

Acos punta sull’idroelettrico

D’Ascenzi: «Stiamo progettando come Gestione Acqua quattro centraline»Gino FortunatoIl Gruppo Acos punta tutto sul...

La lettera

Da qualche tempo “il novese” non brilla certo per la correttezza del proprio comportamento,...

Bollicine, prima fontana

È stata posizionata, nei giorni scorsi, davanti al Museo dei Campionissimi la prima delle...

Acri, e ora che fara’?

Nei giorni scorsi si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Gestione Acqua Camillo...

Rifiuti, pioggia di multe

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. L’immondizia non piace a nessuno, nonostante ciò se ne producono...

Acos, non vendere

Dopo la vittoria dei sì ai referendum della settimana scorsa, la sinistra novese sale...

Comune, tempo di partenze

Il risultato dei referendum di domenica e lunedì “potrebbero portare a un risultato paradossale:...

I pipistrelli? Inutili

Nel consiglio comunale della settimana scorsa, dopo la discussione sul bilancio sono state prese...

La beffa del fotovoltaico

Marzia Persi. A chiusura della discussione del conto consuntivo in consiglio comunale, tenutosi la...

Pd sottopressione

Ore febbrili all’inizio di questa settimana tra i leader del Partito Democratico novese: lunedì...

Sceriffo, quanto lavoro

Novi ligure. Già fenomeno preoccu­pante negli anni precedenti, l’abbandono dei rifiuti sul ci­glio delle...

Novi Ascolta l’Africa

Novi Ligure. La manifestazione Ascolta l’Africa, in programma domani dalle 16 alle 24 in...

Comune incapace di incassare

MARZIA PERSI, NOVI LIGURE. Le casse comunali languono, anche perché la politica economico-fmanziaria generale...

Isole ecologiche fuorilegge

Amministratori locali in confusione sui rifiuti. La più recente normativa., un decreto ministeriale di...

Rifiuti raccolta potenziata

NOVI LIGURE. Verrà potenziata, dalla prossima settimana, la raccolta differenziata dei rifiuti. E infatti,...

L’Acos e il futuro

NOVI LIGURE- Quan­to costa non crescere: alle aziende che forniscono ser­vizi pubblici, ai comuni...

La discarica raddoppia

NOVI LIGURE. Torna alla ri­balta della cronaca la necessità ur­gente di ampliare la discarica...

Rifiuti, Novi è al 40%

La raccolta differenziata a Novi raggiunge il 40,38%. Per alcuni aspetti, il dato fornito...

Disagi col numero verde

NOVI LIGURE. Ha riaperto lo scorso mercoledì il punto informativo allestito da Acos Ambiente...

Rifiuti, ora si cambia

NOVI LIGURE – È partita dal quartiere Lodolino la nuova organizzazione della raccolta rifiuti...

Nasce l’Ato dei rifiuti

ALESSANDRIA Si è insediata, dopo la firma della Convenzione istitutiva, la Conferenza dell’Associazione di...

Raccolta rifiuti

Chi sarà il socio di «Acos Ambiente»? il servizio della raccolta dei rifiuti oggi...

Decreto del Governo

Un grado ed un’ora di riscaldamento In meno negli edifici pubblici e negli alloggi...

Notizie da Federutility

FEDERUTILITY Luce e gas, le aziende non investono di Giovanni Galli Meno investimenti per...
Alto