Tre milioni per rifare acquedotto e fognature in centro storico a Novi

Tre milioni per rifare acquedotto e fognature in centro storico a Novi

Si rinnovano la rete idrica e quella fognaria nel centro storico di Novi, grazie a un investimento di un milione e 953 mila euro. L’appalto di realizzazione è stato concesso da Acos Gestione Acqua all’impresa Boggeri di Arquata (grazie a un ribasso del 22,28% sulla base d’asta) e i lavori inizieranno la prossima settimana. Le strade interessate dai lavori sono: via Gagliuffi e vicoli connessi, via San Martino della Battaglia, via Antica Libarna, via G.C. Abba, l’ultimo tratto di via Peloso, l’ultimo tratto di via Gramsci, l’ultimo tratto di via Cavanna, Corso Marenco e via Pietro Isola. Oltre a queste vie, tutte limitrofe al centro storico, si interverrà a ridosso delle zone attorno al Rio Gazzo, esattamente a monte della strada provinciale ex statale 35 bis dei Giovi a causa di infiltrazioni di acqua. «Il sistema fognario esistente nel Comune di Novi – spiega Vittorio Risso, direttore generale di Gestione Acqua – è, per la quasi totalità, del tipo misto con recapito finale dei liquami tramite il collettore di spina (Rio Gazzo) all’impianto di depurazione ubicato in località Castel Gazzo. La maggior parte delle condotte novesi sono state realizzate scavando nell’argilla mista a ghiaia esistente, oppure usufruendo di fossi di scolo con copertura ‘’a voltino in laterizio” per quanto riguarda le sezioni più piccole e con ‘’piedritti” e voltino in laterizio, per quelle di maggiori dimensioni. Anche le condutture dell’acqua potabile registrano oggettive condizioni di precarietà che hanno suggerito di effettuare l’intervento integrato con la rete fognaria». Il costo complessivo dell’opera è però di quasi 3 milioni di euro ed è finanziato per un milione e 406 mila euro dalla Regione, per un milione e 500 mila euro attraverso fondi di bilancio di Gestione Acqua. «Siamo soddisfatti di questo ulteriore intervento di riqualificazione che riguarda alcune strade del centro storico cittadino – ha dichiarato il sindaco di Novi, Lorenzo Robbiano – soprattutto per quanto riguarda la rete fognaria e acquedottistica. Ovviamente al termine dei lavori le strade del centro storico interessate dagli interventi saranno pavimentate con porfido». Si tratta del quinto programma di una certa importanza attuato da Acos Gestione Acqua in città, poiché i precedenti interventi furono realizzati tra il 1991 e il 2007 dall’amministrazione comunale e da parte di Acos Spa. [G. FO.]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest