Un parco fotovoltaico sui tetti dell'Acos

Un parco fotovoltaico sui tetti dell’Acos

Gino Fortunato.
Dopo l’entrata in campo lo scorso anno nel merca­to dell’energia elettrica, nel 2010 l’Acos prepara altri due colpi nel medesimo settore: investimenti sulle energie alternative e sulle centrali idroelettriche. È in fase di ultimazione il progetto di un impian­to fotovoltaico per un costo generale ipotizzato in­torno ai 5 milioni di euro che sarà realizzato molto probabilmente sui tetti degli edifici di proprietà dell’Acos presenti in città. “È un dovere per un’azienda come Acos, allarga­re i propri interessi con iniziative in zona, tenendo però conto delle problematiche e delle compatibilità ambientali – spièga l’amministratore unico di Acos, Mauro D’Ascenzi -. È quindi giusto ricercare un’alternativa importante alle emissioni di anidri­de carbonica in atmosfera. Non solo. La nostra è una politica compatibile all’ambiente che abbiamo avviato da tempo impegnandoci sotto vari fronti, non ultimo quello di ricavare materiale per l’edilizia dal trattamento dei fanghi di depurazione. Il tutto avverrà in tempi brevi. In particolare per quanto concerne il parco fotovoltaico che intendiamo met­tere a punto con importanti investimenti al fine di ottenere una ragionevole produzione di energia elettrica. In parte sarà utilizzata dai nostri impianti, oppure sarà immessa in rete. Questo progetto, a cui pensavamo già da tempo, oggi è finalmente possibile realizzarlo grazie all’ul­timazione degli studi di marketing mirati soprattutto sui costi degli impianti. Infatti l’abbattimento dei prezzi delle materie, ovvero dei pannelli, oltre al miglioramento delle tecnologie, ci permetteranno di avere un parco di ampie dimensioni capace di soddisfare, almeno per buonissima parte, le richie­ste di energia elettrica”. Il business dell’energia sta producendo infatti otti­mi risultati grazie al servizio di porta a porta attuato da Acos nei comuni associati, unito alla promozio­ne della fornitura gratuita di energia, per quaranta giorni all’anno.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest