Un vademecum in più lingue per la raccolta differenziata

Un vademecum in più lingue per la raccolta differenziata

NOVI LIGURE. Tra le prime esperienze in Italia, partirà una bella e utile iniziativa che unisce l’impegno per migliorare la qualità dei rifiuti dif­ferenziati alle politiche di integra­zione sociale dei cittadini. Si tratta di una pubblicazione che spiega, in modo chiaro e sintetico, le principali moda­lità di conferimento dei rifiuti usando le lingue parlate dalle comunità stra­niere più presenti in città. Oltre all’inglese e francese, i testi saranno tra­dotti ih spagnolo, per le popolazioni provenienti dal Sud America, in arabo, lingua diffusa nei paesi nord africani e nel Medio Oriente, e ancora albanese, bulgaro, romeno, cinese e russo. L’opuscolo è stato voluto dal Consor­zio Servizio Rifiuti insieme alle aziende che svolgono il servizio di rac­colta sul territorio novese, le quali cu­reranno anche la distribuzione. Un contributo significativo alla rea­lizzazione di questo progetto è venuto dai mediatori culturali che si sono pro­digati nella traduzione del libretto. La pubblicazione è già disponibile sul sito internet del Comune di Novi all’indi­rizzo www.comune. noviligure. al.it. Fondamentale affinché la raccolta differenziata funzioni, è il corretto conferimento. Ecco spiegato il motivo per cui si è deciso di pubblicare un opuscolo in più lingue. La qualità del rifiuto conferito permette di inviare minor quantità di immondizia nella discarica e riciclare più materiale pos­sibile. I dati a disposizione di Acos Am­biente mettono in evidenza una cre­scita di differenziata notevole. Nei primi cinque mesi del 2008 si è toccato il 44%. Nelle prossime settimane, poi, partiranno anche i lavori per la realiz­zazione, in zona Cipian» dell”isola eco logica che funzionerà da settembre. L’isola sarà attrezza e custodita e ogni cittadino potrà conferire i propri rifiuti in orari stabiliti anche nei fine settimana. Nell’isola la raccolta av­viene in modo differenziato per carta, vetro, plastica, verde e rifiuti ingom­branti. In questo centro anche le bat­terie e gli oli esausti possono essere smaltiti. La presenza costante di un addetto eviterà che avvengano confe­rimenti errati. Secondo un sondaggio commissionato a dicembre 2007 da Acos Ambiente su un campione di mille cittadini emerge che i novesi danno una sufficienza piena al servi­zio di raccolta; molto gradito è quello a domicilio degli ingombranti che av­viene gratuitamente telefonando al numero verde di Acos Ambiente.

MARZIA PERSI

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest