Calamità naturali, anche un'app per ridurre conseguenze e disagi

Calamità naturali, anche un’app per ridurre conseguenze e disagi

L’amministrazione  comunale di Novi cerca di mettere al  riparo la popolazione da possibili effetti e disagi causati dalle calamità naturali e per questo obiettivo ha attivato la app, che può essere scaricata gratuitamente e dà la possibilità di essere informato in tempo reale  in caso di situazioni di emergenza a chi l’ha attivata.

Novi aderisce anche alla Giornata regionale della protezione civile e giovedì 1° dicembre, al Museo dei Campionissimi, sensibilizzerà l’opinione pubblica, è in particolare i giovani, sugli aspetti della conoscenza e pianificazione delle attività preventive e di soccorso, volte alla tutela, all’incolumità e alla sicurezza della popolazione, dei beni e dell’ambiente.

Completa il progetto di tutela e protezione  il potenziamento delle attrezzature già in dotazione alla Protezione civile comunale  con  l’inserimento  nel parco attrezzature della motopompa con centrifuga autoadescante donata dall’Acos. Ha una portata di 2.500 litri al minuto e può essere utilizzata per il pompaggio delle acque sporche, quelle melmose con cui, solitamente, la Protezione civile si trova a fare i conti in caso di allagamenti.

Sarà presentata alla popolazione il 1° dicembre, invece, l’applicazione per allertamento e i relativi comportamenti corretti di autoprotezione da tenere. Chi ha scaricato l’app e quindi ha  abilitato il suo smartphone a ricevere i messaggi di allerta, sarà informato in caso di allagamenti causati da alluvioni o se si verificassero altre calamità naturali, ma anche quando il sindaco emette delle ordinanze urgenti come la chiusura di scuole o strade. Il sistema per lanciare l’allarme alla popolazione in caso di situazioni di emergenza, affianca, ma non esclude quelle tradizionali già in uso. In futuro potrà essere completata con altre tecnologie per informare anche chi non ha o non può permettersi lo smartphone e con messaggi audio anche attraverso i telefoni a rete fissa.

LA.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest